Archivi tag: DeA Planeta libri

30/12/2018 Recensione “Armada” di Ernest Cline

Ciao readers,

come avete trascorso il Natale? Avete letto un po’ più del solito? Io ho letto poco e dedicata pochissimo al blog. Pensavo di fare un post dedicato ai libri letti nel 2018, ma dovrei mettermi a contarli e la cosa non mi va. Vedrò di essere più precisa nel 2019. VI dico solo che ho letto più libri di quelli che ho recensito nel blog. Ciò significa che ho dedicato più tempo alla lettura che a fare la blogger di libri. Anche se mi piace fare entrambe le cose, ma come ho più volte scritto, trovo più tempo per leggere che per scrivere. Di solito alla fine dell’anno si fanno i buoni propositi per il nuovo anno, invece desidero solo un anno sereno per me e la mia famiglia e naturalmente tanti nuovi libri da scoprire insieme a voi.

Ne approfitto per augurare anche a voi un sereno e felice 2019 e vi lascio con questo motto:

“Fai della tua vita un sogno e di un sogno la realtà” (Antoine-Marie-Roger de Saint-Exupéry)

Per concludere l’anno in bellezza, vi lascio anche l’ultima recensione dell’anno: “Armada” di Ernest Cline. Un libro piacevole e adatto agli amanti della cultura degli anni 80 e non solo.

Immagine correlata

Recensione “Armada” di Ernest Cline

Costo cartceo 17,00 euro
Costo ebook 8,13 euro
Copertina rigida: 430 pagine
Editore: DeA Planeta Libri (30 ottobre 2018)
Collana: DeA Planeta Libri

Descrizione

Zack Lightman è un sognatore. Sogna un mondo un po’ più simile ai film di fantascienza e ai videogiochi che da sempre sono la sua più grande passione. Fantastica del cataclismico evento che un giorno giungerà a frantumare il monotono tran-tran della sua esistenza senza qualità. Dopotutto, sognare non ha mai fatto male a nessuno, specie quando il mondo reale si incarica di ricordarti a ogni passo quanto improbabile sia, per un ragazzo smanettone e pieno di rabbia, ritrovarsi in un futuro imminente a vestire i panni del Prescelto, l’Eroe Destinato a Salvare l’Umanità. Ma poi Zack vede il disco volante. Quel che è peggio, la strana navicella spaziale pare uscita direttamente dal videogioco su cui lui trascorre le notti: un popolarissimo simulatore di volo online in cui i giocatori sono chiamati a difendere il pianeta Terra dalla minaccia di un’invasione aliena. No, Zack non ha perso la testa. Per quanto impossibile possa sembrare, quello che vede è fin troppo reale e le sue capacità di gamer con pochi confronti si riveleranno essenziali nella corsa globale per scongiurare la fine del mondo. Finalmente, la epica occasione che aspettava è arrivata. Ma in mezzo al terrore e all’euforia della sua nuova missione, Zack non può fare a meno di ripensare alle storie fantascientifiche con le quali è cresciuto. E di chiedersi, in un crescendo di inquietudine, se lo scenario in cui si ritrova proiettato non sia un po’ troppo familiare per non nascondere una realtà persino più inquietante e sinistra di quello che appare.


“Armada” è il secondo libro scritto da Ernest Cline autore di “Ready Player One”. Quest’ultimo libro ha riscosso un enorme successo, soprattutto dopo l’uscita del film omonimo diretto dal grande Steven Spielberg. Personalmente ho visto solo il film che mi è piaciuto tantissimo, mentre il libro spero di leggerlo in futuro.

 Ma ritorniamo ad “Armada”, così come lo è stato “Ready Player One”, anche questo libro è un omaggio alla cultura degli anni 80, non solo cinematografica, ma anche di videogames e libri. Ci sono dei riferimenti anche alla filmografia fantascientifica degli ultimi anni, come Indipendence Day ed Ender’s Game.

“Armada” coinvolge il lettore da subito, sia per la scrittura scorrevole, sia perché Zack Lightman, il protagonista, è simpatico e ricorda molto i personaggi di altri film di fantascienza.

Zack è un giovane appassionato di videogiochi, così come lo era il padre, morto in un incidente sul lavoro. E’ proprio il suo rapporto con il padre defunto che diventa quasi un’ ossessione: guardando e rivedendo più volte i film e i telefilm, leggendo libri e giocando ai videogiochi, che facevano parte del mondo di suo padre, morto diciotto anni prima, quando Zack aveva solo un anno.

La sua vita è scandita dai ritmi della scuola, dallo studio e dal suo lavoro presso Starbase Ace, un negozio per appassionati giocatori di videogames, dove Zack passa il tempo più a giocare che a lavorare. Il suo videogioco preferito è appunto “Armada”, un gioco virtuale di guerra contro gli invasori alieni, e dove Zack, detto IronBeagle, risulta essere tra i primi dieci combattenti nella classifica mondiale del famoso videogame. Le cose iniziano a cambiare quando un giorno Zack vede con i suoi occhi una nave aliena proprio vicino la sua scuola.

Cosa sta succedendo? E’ un’allucinazione o la pazzia si sta impadronendo di lui? Forse giocare  troppo ai videogiochi porta a vedere cose impossibili o c’è qualcosa che va al di là dell’immaginazione? Queste sono le domande che si fa Zack, mentre la visione dell’astronave aliena, identica a quella vista sul gioco Armada appare davanti a lui. Presto le risposte lasceranno il giovane Lightman senza parole.

“Armada” è  un libro già pronto per il grande schermo, una trama che racchiude in se molti film degli anni 80 come Giochi stellari, che con l’occasione ho rivisto, il libro Ender’s game di Orson Scott Card, che ho letto alcuni anni fa e che ho amato molto e di cui è stato tratto anche un film. Battaglie alla Star wars e richiami ai film sulla guerra fredda come Top Gun e L’aquila d’acciaio. Film che ho visto tante volte e che sono radicate nella mia memoria. Leggendo il libro prevedevo già la battutta di Zack sul riferimento ai film in questione. Il finale, che ovviamente non svelerò, mi ha anche ricordato l’inizio di un altro libro del famoso scrittore di fantascienza Arthur C. Clarke.

“Armada” è principalmente un libro che omaggia la letteratura, la filmografia e i games degli anni 80, ma anche personaggi realmente esistiti che hanno affrontato studi sull’esitenza di vita extraterrestre, come Carl Sagan che ricordiamo per aver ispirato il film “Contact” del grande Robert Zemeckis con Jody Foster.

Immagine correlata

E’ sicuramente un romanzo con una trama fin troppo prevedibile, ma comunque risulta una lettura piacevole per un’ appassionata nerd degli anni 80 come me. E’ stata un’occasione per ritornare indietro nel tempo, per fantasticare mentre il protagonista combatteva contro un nemico alieno.

Lo consiglio a chi ama la letteratura e i film degli anni 80, ma anche a chi ama i videogiochi e vuole vivere delle emozioni stellari.

Il voto è stato un po’ sofferto, ma considerando che comunque è stata un’ avventura letteraria piacevole che mi ha riportato a rivedere qualche film che avevo completamente dimenticato, ma di cui conoscevo l’esistenza, il mio voto è un quattro pinguini lettori.

Ringrazio la DeA Planeta libri che mi ha omaggiato della copia digitale.

Immagine correlata

Di nuovo “Buon 2019”,

la vostra blogger Lucia.

I commenti e le vostre opinioni sono sempre graditi. Se vi piace questo blog e volete seguirlo, così da farlo crescere di più, potete farlo iscrivendovi alla newsletter che trovate a destra nella barra laterale inserendo la vostra email o/e seguirmi su facebook, instagram  o google+. Grazie mille!