Articolo in evidenza

21/05/2019 Recensione “Regina dell’Aria e delle Tenebre” di Cassandra Clare

“Regina dell’Aria e delle Tenebre” è il terzo capitolo della trilogia Dark Artifices di Cassandra Clare. Chi mi segue sa quanto sia appassionata al mondo degli Shadowhunters e, quindi, aspettavo con trepidazione l’uscita di questo terzo volume, ma non l’ho letto subito. Ho aspettato il momento giusto per farlo, in modo da leggerlo con tranquillità e attenzione. Mentre lo leggevo mi è anche capitato di sognare di essere nel mondo dei cacciatori di ombre e, posso dire che, non è affatto facile.

La stessa recensione è pronta da un po’ ma questo periodo è stato ed è così intenso che non sono riuscita a trovare il tempo per inserirla nel blog. 😒

Premesso questo, credo che sia giunto il momento di esprimere le mie impressioni su questo tomo di ben 800 pagine che scorrono via piacevolmente.

SE NON AVETE LETTO “SIGNORE DELLE OMBRE”, NON PROSEGUITE LA LETTURA DELLA RECENSIONE. SPOILER DEI LIBRI PRECEDENTI.

Prima di leggere “Regina dell’Aria e delle Tenebre”, ho riletto l’ultimo capitolo del secondo volume di Dark Artifices , “Signore delle ombre”, per immergermi nuovamente nella storia dei due protagonisti Julian Blackthorn ed Emma Carstairs.

Ci avevano lasciato nella sala del consiglio dove Julian, in lacrime e disperato, tiene tra le braccia il corpo senza vita di sua sorella Lyvia. Non era stato un bel finale!.

“Regina dell’aria e delle tenebre” inizia quindi con un’atmosfera di dolore per la perdita. Un dolore che i fratelli Blackthorn cercheranno di superare ognuno a suo modo.

Questo terzo volume rispetto ai due precedenti volumi della trilogia mi è piaciuto di più. Cassandra Clare è bravissima a raccontare i sentimenti e le emozioni dei personaggi e a parlare d’amore, che diventa in assoluto il protagonista supremo in tutte le sue forme senza distinzione. Rispetto ai precedenti libri, il mondo degli Shadowhunters è aperto ai cambiamenti e mette da parte i pregiudizi. Inizialmente l’unico amore un po’ fuori dai soliti schemi  era stato quello di Alec e Magnus Bane, il Sommo Stregone di Brooklyn, poi però entrano in gioco nuovi personaggi, nuove storie e manifestazioni d’amore.  La scrittrice da spazio a tutti e manda un messaggio ai suoi lettori:  c’è la famiglia dove c’è l’amore.

La “diversità” che crea odio e sofferenze nel nostro mondo reale, in questa trilogia è fortemente sentita. I nascosti sono diversi e quindi devono essere allontanati dal mondo degli Shadowhunters attraverso barriere. Vi ricorda qualcosa?

Leggendo questo romanzo ho percepito queste cose e l’ho apprezzato.

Se “Regina dell’aria e delle tenebre” mi è piaciuto di più rispetto ai due precedenti capitoli di “Dark Artifices”, per il resto la trilogia “Infernal Devices” rimane la mia preferita in assoluto, così come i suoi protagonisti: Tessa, Will e Jem.  Anche se la protagonista che mi ha fatto innamorare della saga degli Shadowhunters è Clary Fairchild in “The Mortal Instruments”.

In questo terzo volume di Dark Artifices ritroviamo tutti ( o quasi) i personaggi dei libri precedenti. E’ bello ritrovarli, ma non sono approfonditi, a mio parere. Nostalgia? Forse.

“Regina dell’Aria e delle Tenebre” è curato nelle illustrazioni perché tra le pagine ne troviamo diverse e il retro di copertina nasconde anche un poster molto bello. Se questo è un punto a favore per questa edizione, invece, ho notato  diversi errori nella traduzione che mi hanno fatto storcere il naso per non dire altro: scambi di nome e frasi con sintassi errate, soprattutto nelle prime centinaia di pagine. Considerando che il libro costa non poco, la casa editrice dovrebbe stare più attenta a non commettere questi errori. 

Nel complesso, credo che questa trilogia non mi abbia dato le emozioni che cercavo, che invece i precedenti romanzi di Cassandra Clare mi avevano dato. Soprattutto non sono riuscita a immedesimarmi nei protagonisti Julian ed Emma. Sensazione che ho avuto fin dall’inizio. E’ come se mancasse qualcosa. Normalmente alla fine dei libri sentivo un vuoto, una mancanza, invece questa volta no. Ho apprezzato, invece, altri personaggi della storia che in futuro potrebbero regalarmi qualche piacevole sorpresa: Kit Herondale e Ty Blackthorn e un po’ anche Drusilla e Cristina. La coppia Kit e Ty mi è piaciuta molto. Quando leggevo di loro ero entusiasta.

L’epilogo lascia spazio infatti a nuovi sviluppi per personaggi vecchi e nuovi.

Per concludere, la trilogia è stata una piacevole lettura, ma non all’altezza degli altri libri di Cassandra Clare. Continuerò a seguirla e a parlare del mondo degli Shadowhunters finché non mi stancherò di farlo. Come sapete ho una rubrica su questo mondo fatto di angeli e demoni, anche se ultimamente l’aggiorno poco.

Alla fine del romanzo, in appendice, c’è un racconto:  “Un amore che non si stanca mai”.  Il racconto breve, vede come protagonisti  Jace Herondale e Clary Fairchild in uno scenario così tenero da far battere il cuore ai lettori più romantici. In queste poche pagine Cassandra Clare ha messo talmente tanta passione e romanticismo che vi farà ricordare perché vi siete innamorati dei suoi libri. Assolutamente da leggere.

“Ti amo perché ho bisogno di te come la luce e l’aria, come dei gessetti e della pittura, come di tutte le cose belle del mondo…”

Il mio voto è

4 pinquini lettori.

Voi avete letto “Regina dell’Aria e delle Tenebre”? Vi è piaciuto? Lasciate, se vi va, una vostra opinione.

A presto,

Uscite Maggio 2019 Fanucci Editore

Ciao amici lettori,


in questo mese di maggio un po’ pazzo vi segnalo le uscite editoriali Fanucci e Leggere Editore. Non chiedo che arrivi l’estate, perchè non sopporto il caldo, ma un po’ di sole primaverile renderebbe tutto più bello. Invece stanotte c’è stato l’ennessimo temporale e in famiglia, a rotazione, c’è sempre qualcuno che sta male. Consoliamoci con un buon libro, che ne dite?


Nella migliore tradizione della fantascienza mondiale, il primo volume di una nuova e appassionante space opera, ambientata nell’inospitale pianeta di ghiaccio Rizor 4.

Il pianeta di ghiaccio – Ciclo di Rizor di Andrea Scavongelli


Fantascienza
Collana: Collana Narrativa
Anno: 2019
Pagine: 384
Costo ebook: 4,99 euro (già disponibile)
Costo cartaceo: 16,00 euro (disponibile dal 5 giugno 2019)

Sullo sfondo dello scacchiere galattico, dopo una partita durata secoli, gli uomini di potere si apprestano a compiere le mosse decisive. Non hanno calcolato che alcune pedine potrebbero però agire in maniera diversa da come desiderano. E rivoltarglisi contro…

SINOSSI

Rickard Hill è un uomo tormentato dal suo passato più di quanto vorrebbe. Disperso in un deserto di ghiaccio sul pianeta Rizor 4, entra in contatto con uno strano e semisconosciuto popolo che lo conduce alla consapevolezza del suo enorme e inesplorato potenziale, facendogli intravedere una possibile via di uscita dai sensi di colpa che lo attanagliano. Contemporaneamente, Romeo Davis, giovane e idealista soldato del corpo scelto dei Volmarix, è costretto a fare i conti con la violenza distruttiva dell’universo e compiere un personale e non facile percorso per salvare le persone che ama. Nell’ombra, intanto, un cinico agente segreto è disposto a qualsiasi cosa pur di portare l’eterno conflitto con una belligerante razza aliena a vantaggio dell’umanità, anche a costo di sacrificare parte di quest’ultima. Le forze in campo si ritroveranno su Rizor 4, il pianeta di ghiaccio, per il confronto finale. E la natura selvaggia e incontrollabile giocherà la propria carta.


Il sesto capitolo delle Cronache di Ambra, un classico imperdibile della letteratura fan­tasy di tutti i tempi.

Ritorno ad Ambra (Le cronache di Ambra 6)
di Roger Zelazny


Collana: Fantasy
Ciclo: Le Cronache di Ambra – Ciclo di Corwin
Anno: 2019
Pagine: 240
Traduttore: Daniela Galdo
Costo ebook: 4,99 euro (già disponibile)
Costo cartaceo: 12,90 euro (disponibile dal 5 giugno 2019

“Ritorno ad Ambra inaugura nel migliore dei modi la seconda parte di una saga irripetibile.” Risingshadow

SINOSSI

Merle Corey è un giovane e brillante designer di computer, ma è anche Merlin, figlio dell’ex principe di Ambra, Corwin, di cui ha ereditato i meravigliosi poteri. Nel tentativo di comprendere meglio suo padre, Merlin ha trascorso gli ultimi anni sulla Terra, a San Francisco, studiando informatica e progettando uno straordinario computer mai visto prima. Adesso è deciso a tornare ad Ambra, ma prima di farlo intende scoprire chi sta cercando di ucciderlo e perché. A tale scopo inizierà una disperata corsa attraverso le ombre, non solo per sfuggire alla misteriosa forza che minaccia la sua vita, ma per proteggere il segreto mortale che potrebbe distruggere entrambi i suoi mondi…


Il sangue di Ambra (Le cronache di Ambra 7)
di Roger Zelazny


“La libreria dei piccoli segreti” di Corinne Savarese


Genere: Narrativa
Collana: Collana Narrativa
Anno: 2019
Pagine: 304
Costo ebook: 4,99 euro (già disponibile)
Costo cartaceo: 16,00 euro (disponibile dal 29 maggio 2019)

SINOSSI

Aurora ha un dono speciale: riesce a leggere nelle anime delle persone. Può scorgere il loro cuore, le loro gioie e le loro sofferenze, può avvertirle, sentirle sulla sua pelle. Dalla sua libreria per bambini in un antico borgo marchigiano, vede la vita degli altri andare avanti, mentre la sua è rimasta ferma in un punto ben preciso, in cui l’amore e la fiducia nel futuro non hanno più spazio. Più che vivere lei si nutre di storie, di quelle raccontate attraverso le parole e talvolta i silenzi da amici e clienti della sua libreria per bambini – genitori assenti o troppo esigenti, figli ribelli o troppo accondiscendenti… –, e di quelle racchiuse nei libri che riempiono gli scaffali del suo negozio. Ed è proprio grazie alle favole, intessute, come i sogni, di simboli e metafore capaci di toccare le corde più profonde dell’Io, che Aurora capirà il disegno che la vita ha in serbo per lei e deciderà di abbracciarlo: usare la sua empatia per arrivare alle anime dei lettori e lenire le loro ferite. Il destino di Aurora è essere una portatrice di messaggi, e lei intende compierlo attraverso la magia delle fiabe…


Per oggi è tutto,

a presto,