Archivi tag: Massimo Valentini

03 maggio 2021 Intervista a Massimo Valentini autore de “Il sogno di Nova”

Ciao amici,

oggi ospitiamo Massimo Valentini, autore di uno dei libri di fantascienza che ho letto in questi ultimi mesi: Il sogno di Nova.

La vita da blogger ti permette di conoscere tanta gente del mondo dell’editoria  e ogni giorno la mia email è piena di richieste.  Valuto attentamente ciò che mi si chiede e soprattutto il romanzo, il racconto o altro che mi si presenta. Quando lessi la trama de “Il Sogno di Nova” ne rimasi colpita, così mi furono inviati i primi due capitoli. Decisi che lo avrei letto e recensito.

Sono passati mesi da allora e finalmente “Il sogno di Nova” ha visto la luce. Nell’attesa della sua uscita si è creato una bella amicizia virtuale tra la sottoscritta e l’autore e questo mi ha portato una certo timore a  dover valutare il suo romanzo, perché non è mai facile dare un giudizio, ancora di più se ci si aspetta un’opinione a trecentosessanta gradi. “Il sogno di Nova” poteva non piacermi e allora avrei dovuto dare un giudizio negativo. Per fortuna il romanzo mi è piaciuto molto e lo consiglio a tutti, perché ricco di spunti di riflessioni. Trovate la mia recensione qui.

Dopo aver letto e recensito Il sogno di Nova, ho chiesto a Massimo Valentini di collaborare ad un progetto:  scrivere un articolo che parlasse delle differenza tra fantascienza e fantastico, argomento che ha caratterizzato molto le nostre lunghe conversazioni.  Sono felice che abbia accettato.

Prima però di scoprire ciò che ne pensa di questi due generi, mi piacerebbe presentarvi l’autore, perché credo che sia importante conoscere chi si nasconde dietro un libro, un articolo, un racconto o una qualsiasi forma d’arte in generale.

L’intervista è molto lunga, perchè le domande e le curiosità su di lui, sono veramente tante. Le risposte date sono varie e interessanti. Massimo Valentini è uno scrittore da scoprire e conoscere. Se siete pronti iniziamo subito.

Intervista a Massimo Valentini autore del romanzo

“Il sogno di Nova”


Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è immagine-2.png

Ciao Massimo e benvenuto nel mio blog. Ti farò alcune domande per presentarti ai miei lettori.

  • Partiamo da una domanda fondamentale: come è nata la tua passione per la scrittura?

Leggere mi è sempre piaciuto molto da quando ero bambino e così viaggiare con la fantasia, come un po’ tutti i bambini della mia età. La differenza, nel mio caso, fu che a un certo punto cominciai a diventare un avido lettore di romanzi di fantascienza. Era un’estate del 1984, avevo 11 anni. A quei tempi non esisteva internet e io non avevo molti soldini in tasca. Così acquistavo romanzi URANIA usati presso un’edicola vicino casa mia. Non sempre trovavo storie che mi appassionavano e allora cominciai a scrivere da me, quelle che avrei voluto leggere. Cominciai seriamente a scrivere brevi storie soltanto ai tempi del liceo. 

  • Quale genere preferisci tra fantasy, fantascienza e fantastico?

Attualmente il mio genere è sicuramente il Fantastico che è un po’ un contenitore di tutti gli altri filoni letterari che richiedano “una frattura della realtà”. Voglio anche dire che non ho preclusioni verso nessuno di essi anche se, forse, un pochino meno considero il Fantasy. Anche qui, come disse il buon vecchio Albert, “tutto è relativo”.

  • Hai un autore che ami particolarmente e che ha influenzato la tua scrittura?

No perché ne esistono tanti anche se la maggior parte di loro sono quelli ormai considerati classici e non necessariamente di fantascienza. Forse il più letto di sempre da parte mia è Lovecraft ma anche Poe, Dunsany, Robert Block e tanti altri. Nel campo della fantascienza, tout court, Dick è solo uno degli ultimi se non proprio l’ultimo che io abbia letto (e ne ho letti tantissimi dei suoi titoli). Nel campo del fantasy un cenno d’onore va ad Robert E. Howard e al nostrano Gianluigi Zuddas che è, anche se pochi lo sanno, l’inventore del cosiddetto “med-fantasy”.

  • Quali sono gli autori o i libri che secondo te non dovrebbero mai mancare nella biblioteca di un appassionato di fantascienza ?

Philip K Dick, (tutto, tranne VALIS che io trovo noiosissima!)  H. P. Lovecraft (“Le montagne della follia”) i libri di Harlan Hellison, di Marion Zimmer Bradley, il ciclo di DUNE, (di Herbert), “Fondazione e Terra”, di Asimov, e una perla, “Il campo degli spettri” (titolo inglese “Duende Meadow”) di Paul Cook  e tanti, tanti, tanti, tanti altri…

  • Dalla tua biografia si legge che pubblichi anche in Giappone e nei paesi asiastici, considerando che questi luoghi sono molto di moda in questo periodo, soprattutto tra i ragazzi, puoi raccontare brevemente come sei riuscito ad arrivare fin lì?

Per caso. Una società editoriale giapponese contattò una persona che conosco, a Londra, chiedendo se avesse dei nomi ai quali proporre la scrittura di storie ambientate in Europa ma con una piccola caratterizzazione giapponese. La persona, Mary Hellen D, pensò a me in quanto sapeva della mia attività letteraria. Mi mise in contatto col signor Ken Moroboshi e la signora Iwamura Kyoko. Scrissi due storie ispirandomi, in parte, alla mia ragazza (pittrice da una vita) ma dando al personaggio alcune delle caratteristiche consigliatemi dalla Iwamura. Nacque così Ryoko, eroina di due short stories. Le stesse persone, mii chiesero un romanzo da trasformare in manga, a condizione che fosse “davvero strano sia come storia che come impianto narrativo.” Proposi “PRIMUS, l’uomo che sognava di vivere” che più strano non si può: appartiene alla bizarro-fiction distopica ed è veramente una storia STRANA, nel senso più generale del termine.

  • Alcuni tuoi libri sono stati trasformati in manga, anche tu sei un appassionato del genere?

Veramente no, nel senso che non ho mai considerato questa forma espressiva negli anni passati. Nel corso del tempo, però, ho apprezzato le tecniche degli storyboarder giapponesi più noti che, senza fare nomi, sono davvero di eccelsa qualità.

  • Oltre al lavoro di scrittore, cosa fai nella vita?

Scrivo e sogno. 😊

  • Ma parliamo adesso de “Il sogno di Nova” che ho avuto il piacere di leggere: cosa rappresenta per te questo tuo ultimo romanzo?

E’ la mia risposta alla fantascienza sociologica alla Simak e Bradbury e a quella d’azione ma distopica di Dick e Gibson. Volevo scrivere una storia che sapesse di azione e avventura senza però trascurare i sentimenti e le motivazioni psicologiche dei personaggi principali. Qualsiasi delle cose che scrivo deve lasciare un messaggio. Non mi piacciono  le storie fini a sé stesse e in questo raccolgo l’eredità delle grandi storie della cosiddetta Fantascienza d’Oro americana.  NOVA è essenzialmente la storia di fantascienza che comprerei se la trovassi in libreria. E penso che possa piacere a un vasto pubblico, sia maschile che femminile. In Italia si pensa che la SF sia solo robot stile Terminator, astronavi, alieni e guerre stellari. In realtà questa è la SF più comune mentre esistono romanzi che sono veri e propri capolavori assolutamente non inferiori ai classici di qualsiasi altro genere.

  • Dietro il nome NOVA che hai scelto per la tua protagonista e acronimo di New Organism Very Autonomous, si nasconde qualcosa di più profondo? 

Sì. NOVA è realmente esistita. E mi consentirai di non dire altro, su questo punto.

  • Attraverso la scrittura si vuole comunicare qualcosa: un punto di vista, la propria filosofia di vita, una propria visione della società, le proprie paure, etc. Quale messaggio o spunti di riflessione vuoi comunicare ai tuoi lettori attraverso questo tuo romanzo?

Che l’uomo gioca a “fare Dio” senza averne le competenze fin troppo spesso. Possiamo leggere molti spunti riflessivi in NOVA, ma penso che quello che tra tutti sia più visibile, è il seguente avvertimento: il fatto che disponiamo della tecnologia necessaria a fare qualcosa non significa che dovremmo farlo! Dovremmo sempre chiederci quanto sia etico usare questa o quella conoscenza se prima non cerchiamo di capirne i pregi e i difetti. Non siamo infallibili, come specie, e i disastri naturali, l’inquinamento e le disuguaglianze non hanno mai tratto reale aiuto dalla tecnologia se non è aiutata da una certa dose di buon senso. E questo, nessuna macchina lo potrà mai sapere perché il più delle volte manca anche alla specie umana. 

  • “Il sogno di Nova” è stato pubblicato da una giovanissima casa editrice “La Saggese Editori”, credi che in questa giungla di editori indipendenti, il tuo romanzo riesca a farsi notare in Italia?

Tutto può essere, oggigiorno, perché no? NOVA è piaciuta molto alle due persone giapponesi che hanno già approvato PRIMUS, ma ne farebbero un manga e io vorrei una storia fedele alla mia, non un’interpretazione.  Ma ciò che conta, per me, è che NOVA esista e che sia letto da tutte quelle persone alle quali piaccia sognare sui libri, che li coccolino, e non solo i libri più comuni. Poi, per carità, ognuno ha i suoi gusti. Ad ogni modo un libro non è mai morto se ha una storia emotivamente valida. Più che altro vorrei che la gente potesse capire che dietro NOVA c’è ben più di una trama di fantascienza classica ed è ciò che trasmette. Se anche a poche persone il mio romanzo trasmetterà sensazioni piacevoli sarà la mia migliore ricompensa. E finora, a quanto pare, non ho ancora letto di commenti negativi su di lei.

  • Considerando che ormai l’ebook si è affermato tantissimo nel campo dell’editoria mondiale, sai già se e quando “Il sogno di Nova” verrà pubblicato in questo formato? Che cosa ne pensi a riguardo?

Il formato digitale è sicuramente un plus importante in un’epoca, come quella odierna, dove questi formati sono economici e facili da fruire. La Saggese Editori non prevede ancora questa possibilità ma, a detta del mio editore, ci sta lavorando. Ad ogni modo, consentimi di essere un appassionato della carta e della copertina: per me, un libro cartaceo fatto bene potrà essere più ingombrante di un file di computer ma anche molto più soddisfacente dal punto di vista dei sensi.

  • Avendo avuto la possibilità di leggere il cartaceo de “Il sogno Di Nova”, mi sembra doveroso chiedere, chi ha curato la parte grafica, perché, come ho già scritto nella mia recensione, è veramente notevole.

Grazie. Luca D’argenio per quanto riguarda copertina e impaginazione, Giovanna Pironti per l’editing svolto insieme al sottoscritto. NOVA essendo il titolo che inaugura la collana fantascientifica, gode di una veste grafica diversa dalle altre collane della mia casa editrice, come ben capisce chiunque ha modo di toccare copertina e pagine interne. Anche gli altri titoli sono fatti bene ma NOVA, esattamente come la protagonista del romanzo, è diversa. 😊

  • Arriviamo alla domanda finale: quali sono i tuoi progetti futuri?

La mia prossima pubblicazione sarà “Lacrime di Ghiaccio”, una versione modificata di “Ultima Thule” che tu hai già avuto modo di leggere. Una storia ambientata nel continente dei ghiacci eterni, l’Antartide, dove sono stato nel 1994. Un romanzo breve, di viaggio, anche questo molto emotivo. A suo tempo piacque molto ma stavolta è stata editata e aggiornata insieme alla mia editor, Giovanna Pironti. Lo stesso “PRIMUS, l’uomo che sognava di vivere”, potrebbe rivedere la luce anche in forma italiana ma in versione modificata e aggiornata, e probabilmente più snella, con un’altra casa editrice.   

Per quanto riguarda i romanzi davvero inediti al momento sono dietro a due titoli. Il primo è un romanzo Fantastico/SF, al momento senza titolo, che riunisce in sé sia una parte fantastica che una distopica. Una storia potente che richiede molto studio in svariati campi ma ambientata oggi, anche se sempre in America. L’altro romanzo è uno Science-fantasy. Al momento ne esistono 380 pagine ma raggiungerà le 500. Qui, il titolo è bello e pronto, ma è coperto da top-secret come anche la storia. Nutro moltissime speranze in questi progetti, storie sofisticate, soprattutto quello science-fantasy, per tutto il back-ground che serve per scriverlo. Per il romanzo distopico l’idea di fondo è quella di un romanzo d’azione dove i personaggi interagiscono con qualcosa di assolutamente incredibile, ma tutto sommato  richiede le tecniche più comuni oggi usate da un buon scrittore, non solo di fantascienza, ossia il “mostrato”, dialoghi validi e precisi, una buona storia di fondo e personaggi ben caratterizzati. Quindi, la difficoltà del libro è più che altro nel mescolare Fantastico e un tecno-thriller e nella documentazione necessaria a farne una storia credibile.  Il romanzo science-fantasy è invece la mia riposta al miglior fantasy di sempre, e non parlo del classico “Signore degli anelli”. La mia intenzione era quella di scrivere una storia che non presentasse le stesse creature già viste dagli appassionati e che fosse al tempo stesso, molto più avvincente di un fantasy classico. E posso dirti che serve un back-ground di un certo livello per scriverlo. Per esempio, ho studiato l’e-prime, (una tecnica che non usa il verbo “essere”), il “bullett time” cinematografico per le scene d’azione, ho modificato il “mostrato” ai miei fini, ho studiato a fondo la metallurgia giapponese delle katane (per le armi da fianco) la tecnologia al plasma (per le armi da lancio) le tattiche di combattimento con la spada, il BUSHIDO per la parte filosofica, astronomia (per il luogo dove si svolge la storia) la fisica nucleare (per la definizione degli elementi scientifici del romanzo relativi alla propulsione e la produzione di energia). Oltre a questo, la nomenclatura dei nomi dei personaggi è precisissima e costruita appositamente per la storia. E tante, tante altri aspetti che sarebbe troppo lungo da spiegare qui. Ti basti solo sapere che se per NOVA ho impiegato un anno e mezzo tra ricerche e scrittura, e prevedo di usare almeno due anni della mia vita per il romanzo Fantastico/Distopico, per lo Science-Fantasy sono dieci anni che lo scrivo, senza fretta, come il vino buono. E lo darò solo a una Casa Editrice notissima o all’estero.   

Grazie Massimo di essere stato ospite del mio blog, ti aspetto prossimamente per parlare delle differenza tra fantascienza e fantastico. 

BIOGRAFIA

Massimo Valentini è uno scrittore, divulgatore freelance e pubblicista italiano, nato a Cosenza nel 1973. È stato nella redazione di Voyager Magazine, la rivista ufficiale dell’omonima trasmissione televisiva, e ha collaborato col Giornale dei Misteri, il più antico mensile sull’insolito, curandone la rubrica “Il detective della scienza”. Nel 2007 la Falco Editore ha stampato la sua raccolta di racconti fantastici Alfa e Omega e nel 2008 il romanzo Ultima Thule. La 0111 Edizioni ha pubblicato le sue raccolte di racconti Quattro ombre azzurre (2009), Sulle ali di Althaira (2009) e Gabbiani delle Stelle (2011). Nel 2012 il racconto Alpha e Omega è apparso sul numero 482 del Giornale dei Misteri e la Lettere Animate Edizioni ha pubblicato il suo romanzo Primus, l’uomo che sognava di vivere, uno dei pochi esempi di bizzarro fiction del panorama letterario italiano. Il racconto Ritorno a casa è stato pubblicato nella miscellanea Calabresi per sempre (Edizioni della Sera, Roma, 2019). In Giappone è stato pubblicato 特別な女の子涼子 (Tokubetsuna on’nanoko Ryōko, “Ryoko, una ragazza speciale”) tratto dal suo racconto breve Lei, e 運命の女涼子 (Unmei no jo Ryōko, “Ryoko, donna del mio destino”) a sua volta tratto dal suo racconto Ryoko, principessa metropolitana.
Il sogno di Nova è il suo terzo romanzo.

05-04-2021 Recensione “Il sogno di Nova” di Massimo Valentini


TRAMA

Anno 2446 d.C. Sotto la pioggia scrosciante di un mondo oscuro, dominato dalla robotica e dall’unione tra la carne degli esseri umani e il silicio dei computer, essere interi è un vero e proprio stigma e tutti sfoggiano il proprio status di persone potenziate da arti meccanici e organi artificiali. In questa società ipertecnologica e artefatta esiste, però, una donna diversa sia dalle macchine che dagli esseri umani.
Preziosa per alcuni e pericolosa per altri, Nova è inseguita da individui spietati che cercano di ucciderla, di coglierne il segreto, e da altri che tentano di salvarla.
Nella corsa per sfuggire a un mondo ostile che non riconosce, interroga se stessa sul confine tra ciò che è umano e ciò che non lo è, tra chi è in grado di provare vere emozioni e chi di riprodurne una squallida imitazione. Solo quando un nuovo sentimento sboccia nel suo cuore, la ragazza conoscerà il segreto fatto di “femminilità e fuoco”, che la porterà a scelte radicali pur di veder trionfare il suo sogno radioso sull’oscurità delle macchine.

La mia opinione

“Il sogno di Nova” scritto da Massimo Valentini ci porta in un futuro lontano, esattamente nell’anno 2446, in una New York dalle atmosfere cupe alla Blade Runner, film del 1982. La grande city è avvolta dalla nebbia prodotta dall’inquinamento e piove quasi sempre. I robot, sempre più simili agli umani, sono diventati parte integrante della quotidianità. Gli stessi umani, spinti dalla ricerca dell’eternità e della perfezione, sono diventati simili alle macchine che loro stessi hanno creato, privi di ciò che li rende veramente vivi: le emozioni. Una perdita dell’umanità che attraversa ogni pagina di questo romanzo.

Visualizza immagine di origine
L’immagine è presa da internet

L’autore ci accompagna quasi per mano in questo viaggio, attraverso riflessioni su un mondo che un giorno potrebbe essere il nostro, alla ricerca di un cambiamento, di un qualcosa di sfuggevole, di risposte che sembrano non arrivare mai. 

La scrittura è scorrevole e si alterna tra metafore e dialoghi che sembrano usciti da un film poliziesco e fantascientifico americano.  Momenti di riflessione profonda vanno a scontrarsi con corse rocambolesche ed esplosioni all’ultimo bullone.

Infatti alcuni personaggi, come Keats  o la dottoressa Susan JaneTaylor, rispettivamente  dipendente e robotologa della CSATI (Cybernetic Systems and Advanced Tecnology Inc), sono eccessivamente caratterizzati diventando in alcune scene caricature di loro stessi, simili ai personaggi di un fumetto.

Maxmilian è uno dei protagonisti, un tipo solitario e diverso da chi si definisce ancora umano. Lui rappresenta la solitudine dell’umanità. Non sta bene con i suoi simili, gli uomini, perché non è rimasto nulla di umano in loro. Il suo essere normale, integro, lo rende quasi folle agli occhi degli altri. Ma la realtà è ben diversa perché i  folli sono gli altri e, proprio perché diverso, viene considerato pazzo.

E poi c’è la protagonista, colei che dà il titolo al romanzo: Nova.  Lei, un’androide, sembra un essere puro, quasi etereo. Troppo perfetta sia per gli umani che per i robot. Lei sogna, lei ama, lei pensa. 

“Era nata per essere perfetta. Niente di meno. Questa era la sua sola consapevolezza. “

Se le azioni sembrano uscire da un film adrenalinico di fantascienza, di contro i momenti tra Maximilian e Nova sembrano ovattati e calmi. Le atmosfere sono sognanti. Non si distingue ciò che è vero e irreale. I loro dialoghi sono delicati e la solitudine, che prima riempiva i cuori di entrambi, non esiste più: un incontro di due anime simili. Il loro legame riscalda l’umanità diventata di ghiaccio perché, se pensiamo alle macchine, ciò che ci viene in mente è il freddo, un freddo che spaventa.

Nel romanzo non mancano omaggi e riferimenti ai grandi autori della fantascienza. Non voglio togliere l’opportunità a chi lo leggerà di scoprirli, ma il nome ad esempio di Susan Taylor è un omaggio alla Susan Calvin di Isaac Asimov, l’ideatore delle tre leggi della robotica. Susan Calvin è una robopsicologa, capace di capire più le emozioni e i sentimenti dei robot che degli umani; la Susan Taylor di Valentini è invece una donna senza scrupoli e senza sentimenti.

Il romanzo di Massimo Valentini ci fa riflettere su un futuro non troppo lontano, sulla perdita dei valori della nostra società, ma anche sulla solitudine dell’uomo.

Il sentirsi solo e diverso ci porta a desiderare di stare con chi ci capisce, con chi è simile a noi: Maximilian e Nova riescono a trovarsi, ma il loro non è un incontro casuale.

Al di sopra di tutto ciò che sta accadendo ai protagonisti sembra ci sia la mente di Steven Jones, l’uomo che ha cambiato il mondo e che ha inventato la robotica moderna, il  creatore di Nova, il padre di Maximilian, l’uomo che potrebbe avere tutto ma che in realtà non ha nulla, perché ha perso tutto. Lui stesso è una vittima di un sistema che non funziona. Da lui parte la voglia di riscatto e il desiderio di cambiare ciò che lui stesso ha reso ostile.  Lui vuole lasciare una traccia di sé, non le macchine da lui create, ma qualcosa di più profondo.

Penso che ognuno di noi, a prescindere da ciò che fa nella vita, debba lasciarsi dietro qualcosa prima di morire. Un albero, una costruzione, un libro. Qualcosa che abbia amato perché la sua anima sappia dove andare una volta liberata dalle sue spoglie mortali.

Non mi piace Jones, perché a spingerlo è sempre l’egoismo e il voler lasciare una traccia di sé. Come tutti , anche lui cerva l’eternità: il non essere dimenticato.

E proprio partendo dai sogni, da quello di Nova, da quello di Jones, da quello di Maximilian, da un nostro grande sogno e dal coraggio che la realizzazione di alcune scelte comportano per realizzarli, che si può  ritrovare la libertà e non sentirsi più soli.

Il finale mi ha lasciato senza parole per la dolcezza e la calma quasi surreali, ma anche per l’atmosfera quasi magica e futuristica. Un libro che consiglio a tutti, soprattutto a chi non rinuncia a sognare, a chi crede negli affetti,  perché “Il sogno di Nova” è un romanzo di fantascienza, ma di una fantascienza insolita. Racconta di un futuro lontano, ma soprattutto di sentimenti e d’amore.

Il mio voto è

4,5 pinguini lettori.


Ringrazio Massimo Valentini per avermi fatto dono di questo libro. L’edizione è stupenda, curata in ogni dettaglio. Colori della cover e pagine con un ottima finitura. Un lavoro notevole sulla grafica che rende questo romanzo un gioiellino da custodire nella propria libreria. Vi lascio di seguito la biografia dell’autore.

Biografia dell’autore

Massimo Valentini è uno scrittore, divulgatore freelance e pubblicista italiano, nato a Cosenza nel 1973. È stato nella redazione di Voyager Magazine, la rivista ufficiale dell’omonima trasmissione televisiva, e ha collaborato col Giornale dei Misteri, il più antico mensile sull’insolito, curandone la rubrica “Il detective della scienza”. Nel 2007 la Falco Editore ha stampato la sua raccolta di racconti fantastici Alfa e Omega e nel 2008 il romanzo Ultima Thule. La 0111 Edizioni ha pubblicato le sue raccolte di racconti Quattro ombre azzurre (2009), Sulle ali di Althaira (2009) e Gabbiani delle Stelle (2011). Nel 2012 il racconto Alpha e Omega è apparso sul numero 482 del Giornale dei Misteri e la Lettere Animate Edizioni ha pubblicato il suo romanzo Primus, l’uomo che sognava di vivere, uno dei pochi esempi di bizzarro fiction del panorama letterario italiano. Il racconto Ritorno a casa è stato pubblicato nella miscellanea Calabresi per sempre (Edizioni della Sera, Roma, 2019). In Giappone è stato pubblicato 特別な女の子涼子 (Tokubetsuna on’nanoko Ryōko, “Ryoko, una ragazza speciale”) tratto dal suo racconto breve Lei, e 運命の女涼子 (Unmei no jo Ryōko, “Ryoko, donna del mio destino”) a sua volta tratto dal suo racconto Ryoko, principessa metropolitana.
Il sogno di Nova è il suo terzo romanzo.


Se avete voglia, lasciate pure un commento o seguitemi nei social.

A presto,