Recensione SteamBros Investigations – L’anatema dei Gover

24/03/2018 Le mie recensioni

SteamBros Investigations – L’anatema dei Gover

di Alastor Maverik & L. A. Mely


L’attimo in cui il predatore diviene preda occupa solo un battito di ciglia.

Un solo indizio sancisce l’inizio della caccia. I fratelli Hoyt viaggeranno fino a Glasgow con il loro sidecar seguendo le tracce di Emma. Arriveranno nella villa dalle pareti a mosaico della famiglia Gover dove un nuovo caso li attende. Una maledizione grava sulla famiglia e il mistero sulla scomparsa di Emma si infittisce. I due investigatori saranno costretti a combattere con lati dei loro caratteri che neanche sapevano di avere e che potrebbero minare la loro capacità di giudizio, ma dovranno anche affrontare una minaccia più grande. Tra tecnologie avanzate, pericoli celati e verità nascoste la vita degli Hoyt sta per essere di nuovo stravolta. Cosa troveranno scoperchiando il vaso di Pandora?

In vendita sui siti:

Dark zone

IBS

Libreria Universitaria

Feltrinelli


La mia recensione

I fratelli Hoyt, Melinda e Nicholas sono tornati, ma questa volta sono diretti  a Glasgow, città della Scozia. I due investigatori  seguono gli indizi trovati durante il loro ultimo caso, per ritrovare la sorella scomparsa: Emma.

La loro fama è giunta fin lì e per tenersi allenati,  si addentreranno in una nuova avventura. Una maledizione, un nuovo mistero da risolvere, apparentemente simile ad altri, ma in realtà capace di far emergere terribili segreti.

Questo nuovo romanzo, scritto sempre a quattro mani  da Alastor Maverik e L. A. Mely,  ha qualcosa in più del precedente.  Si legge tutt’un fiato e  le deduzioni dei due protagonisti  vengono fuori in modo brillante, lasciando comunque al lettore la possibilità di partecipare alla risoluzione del caso.

Melinda, sempre brillante, intuitiva e  scontrosa, è anche molto più umana. Si era già  notato un cambiamento nella seconda parte di SteamBros Investigations – L’armonia dell’imperfetto.  I suoi sentimenti, le sue emozioni sono molto più espansive, non più chiusa a riccio, ma molto più aperta a ciò che la circonda.

Nicholas rimane sempre il mio preferito. La sua galanteria e gentilezza, l’amore per la meccanica e  le sue eccentriche bombette arricchite con i più bizzarri quanto utili marchingegni,  sicuramente apprezzati dalla sottoscritta, come l’ igrometro, strumento necessario alla misura dell’umidità dell’aria, le sue invenzioni e la sua favolosa sidecar, sono elementi che contribuiscono a dare un fascino accademico a questo giovane elegante uomo.

I due protagonisti, così come gli altri personaggi, hanno finalmente caratteri più moderni e attuali per i lettori che leggono questo romanzo.

In SteamBros Investigations- Anatema dei Gover,  lo Steampunk, un filone della narrativa fantastica fantascientifica che introduce una tecnologia anacronistica all’interno di un’ambientazione storica, è molto presente, sembra di stare in un romanzo di Mary Shelley, di leggere le opere di Hofmann e di ritornare indietro nel tempo e guardare gli automi che alcuni costruttori del tempo realizzavano per i clienti (https://www.stilearte.it/le-statue-automa-del-settecento-che-suonavanodisegnavano-perfettamente-e-sapevano-persino-scrivere/)

Infatti  lo slogan che racchiude in se questo genere di narrazione si riassume in queste parole:

“Come sarebbe stato il passato se il futuro fosse arrivato prima”.  

Ebbene in questo nuovo romanzo la scienza nella sua forma più moderna,  in un epoca lontana come è l’età Vittoriana, riesce ad arricchire la storia.  Le atmosfere ottocentesche, ma anche il mistero  e la tecnologia,  presenti nel mondo dei fratelli StreamBros, creano un fascino irresistibile.

Ci sono anche le Zeppelin che sorvolano e rendono piuttosto trafficato il cielo sopra Glasgow .

 

Ma non voglio aggiungere altro, altrimenti si perderebbe la sorpresa.

Unica piccola nota di demerito sta nel modo di riprendere, in modo un po’ frettoloso,  i fatti salienti accaduti nel precedente capitolo ai fratelli SteamBros e nella descrizione fisica dei personaggi vecchi e nuovi, creando qualche difficoltà a chi legge per la prima volta questo romanzo, senza aver letto il precedente, oppure a chi ha letto il primo molto tempo fa e vorrebbe un piccolo ripasso. Quindi il mio consiglio è, per i successivi romanzi,  di  descrivere nuovamente gli eventi accaduti predentemente e importanti per la storia e descrivere meglio fisicamente i personaggi, senza comunque appesantire o rendere ripetitivo il romanzo, lasciando solo delle tracce qua e là.  in poche parole trovare il giusto equilibrio. E’ stato fatto, ma non abbastanza, secondo me.

Il finale, mi ha lasciato senza parole: fantastico!  E’ vero che c’erano tutti presupposti che stesse per accedere qualcosa di grosso, ma non mi aspettavo una epilogo del genere . Ho anche pensato che la storia fosse finita troppo presto, avrei voluto leggere di più e capire di più, ma gli autori hanno creato un finale pieno di aspettative per il seguito.

In StreamBros Investigations – L’anatema dei Gover,  non possono mancare naturalmente  i cibi assaggiati dai due investigatori  durante la loro permanenza a Glasgow. Infatti  a conclusione della storia li ritroviamo  in  un accurato libro di ricette.

E non posso non parlare delle copertine di questi romanzi, realizzate da Lia Winchester,  perfette per dei collezionisti del genere. Le amo tutte!

Per concludere, lo consiglio assolutamente a chi ha già letto il primo romanzo, a  chi ama le detective story ambientate nell’ottocento, ma di genere Steampunk , a chi ama il fantasy dark  e la fantascienza, il mistero e il fascino dei meccanismi costruiti in epoche lontane.

Spero che gli autori siano già a lavoro perché non vedo l’ora di leggere il seguito, per immergermi di nuovo nelle atmosfere gotiche di Melinda e Nicholas Hoyt. Bravi Alastor Maverik e L. A. Mely.

Il mio voto è

 

 

4,5 pinguini lettori.

Un saluto e a presto con le mie recensioni,

Lucia M.

I commenti sono sempre molto graditi.

Se vi piace questo blog e volete seguirlo, potete farlo iscrivendovi alla newsletter che trovate a destra nella barra laterale inserendo la vostra email o/e seguirmi su facebook o google+. Grazie. 


Di seguito parte dell’intervista fatta agli autori alcuni mesi fa. Ne sono rimasta molto affascinata… Invece per la recensione di SteamBros Investigation – L’armonia dell’imperfetto cliccate qui

08/01/2018 Qualche curiosità sul romanzo e sugli autori

Benvenuti nel mio blog!  Ecco alcune semplice domande per soddisfare alcune mie curiosità e anche quelle dei lettori che vogliono leggere o hanno già letto il vostro libro. 

  • Chi sono gli autori di SteamBros Investigations? Raccontatemi di voi e soprattutto del vostro rapporto con il mestiere di scrittore/scrittrice.

LUI: Salve a tutti. Io sono Alastor e sono dell’82. Nella vita ho fatto moltissime cose prima di scoprire quale fosse la mia passione. Ho un libretto di lavoro alto oltre un centimetro, è imbarazzante. Diciamo che ho provato molte cose e nessuna di queste mi ha preso veramente. In un momento buio della mia vita mi sono rinchiuso dietro ad un monitor e ho cominciato a interagire virtualmente con altre persone tramite un gioco di ruolo che prevede l’uso di una chat per descrivere le azioni del proprio personaggio e da lì è cominciato tutto. Ho scoperto che adoravo scrivere e creare emozioni nei miei interlocutori, tanto che è stato difficile smettere di giocare. Era diventata come una droga, ma per assurdo è proprio in questo sistema che ho conosciuto L.A. Mely. Da quel momento ci siamo sentiti spesso e un bel giorno di tre anni fa abbiamo deciso di mettere le nostre parole su carta e tentare la fortuna nel mondo editoriale. Ovviamente siamo esordienti e per nulla esperti nella via che abbiamo scelto di intraprendere. Tutt’ora ci stiamo formando, facciamo esercizi di scrittura, chiediamo consigli. Più che scrittore per mestiere mi reputo un apprendista scrittore….

Continua a leggere 

4 pensieri su “Recensione SteamBros Investigations – L’anatema dei Gover

  1. Alastor

    Lucia devo dire che questa tua nuova recensione mi ha lasciato davvero entusiasta. Così come ho apprezzato moltissimo il consiglio che ci hai lasciato poichè arricchisce e non svaluta il nostro lavoro. Ti ringrazio per il tempo speso e anche per averci dato questa opportunità. Il terzo capitolo e già in lavorazione da un po’ ed è anche a buon punto. In ogni caso però bisognerà attendere il 2019 perchè venga alla luce.

    -Alastor-

  2. Lucia Autore articolo

    L’ho scitta con attenzione e passione. So quanto impegno e amore mettete nel vostro lavoro. Grazie per avermi dato la possibiltà di leggere L’anatema dei Gover. Peccato che per il terzo dovrò aspettare così tanto. Spero che durante l’anno darete piccole anticipazioni.:)

Lascia un commento