Archivi tag: Elpis Editrice

22-03-2021 Recensione “La custode dei sogni – Il crollo” di Nicoletta Torregrossa

Il crollo. La custode dei sogni - Nicoletta Torregrossa - copertina
Editore : Elpìs (18 dicembre 2016)
Lingua : Italiano
Copertina rigida : 464 pagine
La custode dei sogni- Le essenza – I volume
La custode dei sogni – Il risveglio – II volume
La custode dei sogni – Il crollo – III volume
Casa editrice – link qui

SINOSSI

Trenta secondi. Soltanto trenta secondi sono quelli che il Mondo Reale continua a vivere, gli ultimi trascorsi prima del crollo dei pilastri che reggono il Mondo dei Sogni e il Mondo degli Incubi. Tutto è immobile, bloccato in un unico grande sogno incosciente dove sono confinati Matilda e Sand. … Il capitolo finale di una trilogia fantasy che ha conquistato tantissimi lettori, che ha fatto emergere la voglia di continuare a credere nella forza dei propri sogni in una guerra nata per difenderli e in cui fino all’ultimo anche Matilda continuerà a lottare.


La mia opinione

È passato quasi un anno da quando ho letto “La custode dei sogni –Le essenze”, primo volume della trilogia fantasy scritta da Nicoletta Torregrossa e da allora sono successe tante cose sia nella mia vita che nella vita dei protagonisti: Matilda  e Sand.

“La custode dei sogni – Il crollo” è il terzo e ultimo volume di una trilogia che via via si fa sempre più complessa. L’autrice ha creato un mondo parallelo al nostro, ma legato da un filo sottilissimo al mondo reale, perché noi esseri umani viviamo grazie ai nostri sogni. Il problema è che l’inizio di questo terzo volume lascia perplessi: non si capisce cosa stia succedendo.

In questo ultimo capitolo, i sogni, coscienti e non coscienti, e gli incubi lottano in un duello estremo fino a giungere ad un finale pieno di significato.

Ma cosa sono i sogni coscienti e i sogni incoscienti?

La spiegazione la  troviamo nel primo volume di questa trilogia. È proprio Sand, l’elfo creato dalla mente di Matilda, a spiegarlo. Lui è un sogno cosciente.

“Dei sogni incoscienti, fanno parte tutti quei sogni che sono stati soltanto un breve passaggio nella mente del creatore. Un pensiero a cui l’umano non ha dato così tanto interesse. Ad esempio i sogni che fai di notte. Quelli sono tutti sogni incoscienti. Oppure, tutti quei desideri, o tutti i pensieri che hai durante la giornata… Tutti sogni incoscienti… Un sogno incosciente ha la sola capacità di ripetersi. Io faccio parte dell’altra categoria di sogni. Sono un sogno cosciente… I sogni coscienti sono sogni che non sono rimasti soltanto un pensiero, ma sono stati sviluppati dalla mente del creatore.”

Matilda e Sand si amano; lei è un’umana, lui è un sogno cosciente. Insieme dovranno lottare per salvare ciò che è rimasto del mondo degli uomini sostenuto dal mondo dei sogni.

“L’uomo è fatto di sogni e di incubi.”

In questo terzo volume, i personaggi sono tanti e la guida di Sand, Itanock, diventa anche una guida per tutti. C’è molto più di una semplice storia d’amore e di amicizia, si parla della nostra sopravvivenza, di come i sogni e gli incubi siano i pilastri della nostra esistenza.

No vi nego che avuto difficoltà a capire cosa stava succedendo all’inizio della storia e per le prime centinaia di pagine, perché il mondo reale  era diventato un sogno incosciente. Il sogno incosciente ripete la stessa azione all’infinito e sulla Terra si ripetono sempre gli stessi 30 secondi.  

“Trenta secondi. Soltanto trenta secondi sono quelli che il Mondo Reale continua a vivere, gli ultimi trascorsi prima del crollo dei pilastri che reggono il Mondo dei Sogni e il Mondo degli Incubi. Tutto è immobile, bloccato in un unico grande sogno incosciente dove sono confinati Matilda e Sand.”

Nel “ La custode dei sogni – Il Crollo – si scoprirà anche l’origine di Sand, di come sia nato come sogno cosciente di Matilda: le sue origini e i suoi cambiamenti dopo il suo riconoscimento da parte della ragazza.

Questo libro è un fantasy macchinoso perché parlare di sogni e incubi, del subconscio e del legame che esiste con la nostra vita, non è affatto facile. Riuscire alla fine a trovare un equilibrio in questo mondo complesso che fa parte di noi è ancora più difficile. Sono arrivata alla conclusione che questo ultimo volume della trilogia della Custode dei sogni  è un romanzo per lettori audaci e sensibili che sanno leggere al di là delle parole.

“I sogni vivono le emozioni in un modo più tranquillo. Gli incubi in un modo più agitato, positive o negative che siano.”

Nicoletta Torregrossa è un’autrice che ammiro tantissimo per la sua intelligenza e per la sua capacità creativa. É stata molto brava a creare un mondo parallelo al nostro, pieno di sogni e incubi, e renderlo quasi reale.

Credo che anche lei, così come tutti gli esseri umani che raggiungono degli obiettivi, sia stata guidata dai suoi sogni coscienti, da Matilda, da Sand, da Itanock, da Matt, da Alba, da Aurus e da tutti i protagonisti di questa storia.

L’amicizia, il coraggio e l’amore sono stati tra ingredienti fondamentali in quest’ultimo romanzo. Emozioni e sensazioni che i sogni coscienti desiderano e in alcuni casi bramano fino a sconvolgere l’equilibrio del mondo dei sogni e del mondo reale. Un equilibrio che per tutto l’intero romanzo si cercherà di ripristinare anche a costo della propria vita.

“ Ciò che rende buoni o malvagi: sono le azioni che si compiono, le scelte che si fanno.”

L’unica pecca di questo romanzo, è che leggendo dopo mesi l’ultimo volume è stato difficile ricordare alcuni avvenimenti, soprattutto con un inizio complesso come quello creato dall’autrice. Sarebbe stato opportuno inserire tra una pagina e l’altra alcuni ricordi, in modo da riportare al lettore fatti accaduti nei precedenti volumi.

Per concludere consiglio questa trilogia a tutti i sognatori, a chi non perde la speranza di lottare anche nei momenti più difficili, perché i nostri sogni ci tengono in vita insieme alle nostre paure.

Il mio voto è

3,5 pinguini lettori. 

A presto,

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Immagine5-1.png

09/01/2020 “La custode dei sogni. Le essenze.” di Nicoletta Torregrossa

Prima recensione dell’anno: “La custode dei sogni. Le essenze” di Nicoletta Torregrossa. Anche se questo romanzo l’ho finito di leggere già da un po’ (sono passati un paio di mesi), come dice il detto, meglio tardi che mai. Sono comunque soddisfatta. 😊

Ho acquistato questo libro più di un anno fa ad una fiera del fumetto. Ho conosciuto l’autrice, una brillante ragazza divisa tra la passione per la scienza e la passione per la scrittura. Insieme a lei c’erano i nuovi autori della casa editrice Elpis. Una bella realtà che fa bene alla città di Palermo. La trama del romanzo, primo capitolo di una trilogia fantasy, mi ha subito ispirato e ho solo dovuto aspettare il momento opportuno e lo stato d’animo giusto per iniziarne la lettura.


La custode dei sogni. Le essenze” di Nicoletta Torregrossa

Copertina rigida: 412 pagine
Editore: Elpìs; Prima edizione edizione (1 dicembre 2014)
Costo cartaceo: 15 euro

SINOSSI

Dentro una vecchia scatola Matilda ha conservato gli innumerevoli appunti e disegni di una storia immaginata da bambina, confinandola poi sopra l’armadio quando, ormai quindicenne, decide che è tempo di crescere. Non sa che presto dovrà riaprirla, perché quando Sand infrangerà il tabù che vieta ad ogni sogno cosciente di interagire con il proprio creatore, nulla sarà più come prima. Tra paesaggi surreali, paradossi di un’altra realtà, un’armata di mastini e il rischio del collasso del mondo che raccoglie il pensiero umano, questa nuova saga fantasy introduce creature che esistono da sempre, ma che nessuno aveva mai incontrato prima: i Sogni e gli Incubi.

Cosa accadrebbe se un giorno un grande sogno diventasse reale? E’ quello che accade alla protagonista Matilda, una giovane ragazza che con la sua fantasia, quando era ancora una bambina, ha creato un bellissimo sogno: un elfo.

:

 Da subito il lettore viene catturato dalle pagine del libro attraverso la protagonista che con la sua indole serena, ma allo stesso tempo tenace, vive la sua tranquilla vita da adolescente.

Ma un giorno qualcosa di inaspettato cambierà la vita di Matilda, rendendola unica e indispensabile per l’intero genere umano.

” Un sogno non può interagire con il proprio creatore, altrimenti scompare”!

Nicoletta Torregrossa con un linguaggio semplice, attraverso Matilda e Sand, un elfo che appartiene al mondo dei sogni, riesce a mostrarci e ad analizzare un mondo che appartiene all’essere umano dalla notte dei tempi, da quando per la prima volta un bambino diventò creatore del suo sogno.

I paesaggi creati dalla mente dell’autrice, così come i personaggi della Terra dei sogni e i personaggi della Terra dei vivi sono ben descritti. Un mondo fatto non solo di sogni magnifici, ma anche di incubi.

Quest’ultimi,  sono sempre pronti a distruggere un sogno, a far crollare con la paura quello che con dedizione è stato costruito. Gli stessi sogni, alcuni stanchi di restare intrappolati nel loro mondo, faranno di tutto per realizzare i loro desideri.

“I sogni coscienti e i sogni incoscienti, così come gli incubi, contengono in sé una notevole mole di emozioni, che nel mio mondo equivale ad una vera e propria essenza. Insomma…è quella cosa che ci permette di vivere.”

Una storia che parla a tutti noi. I sogni ci fanno andare avanti e senza di essi la nostra esistenza non varrebbe niente. Tra le pagine di questa storia, non c’è solo l’avventura di Matilda e Sand, ma qualcosa di più profondo. 

Come direbbe Shakespeare:

Siamo fatti della stessa sostanza dei sogni

Vita e sogno sono legati in modo sostanziale.

“I sogni reggono questo vostro mondo, Matilda. E voi alimentate il nostro.”

Un romanzo originale che racconta in modo fantastico il legame che c’è tra gli uomini e i sogni.

Non mi aspettavo un romanzo così bene fatto, tanto che la sera avevo difficoltà a lasciare andare Matilda nel suo mondo dei sogni per andare nel mio.

Dopo aver concluso il primo capitolo, mi sono precipitata ad acquistare il secondo: Il risveglio. La custode dei sogni.

Il romanzo è rivolto ad un pubblico adolescente, ma lo consiglio a tutti i sognatori, a chi ama il fantasy e vuole immergersi in una lettura insolita e originale.

Il mio voto è

4 pinguini lettori.