Archivi tag: Draconis Magisterium

17-05-20 Recensione “Draconis Magisterium” di Claudia Piano

Ciao amici lettori,

eccomi oggi con una nuova recensione (non mi sembra vero🤗🤗..). Ho finito di leggere “Draconis Magisterium” di Claudia Piano, di cui avevo fatto la segnalazione con una breve intervista alcune settimane fa (la trovate qui). Ero curiosissima di leggere qualcosa di questa autrice genovese di cui aveva sentito parlare così bene. Così ho acquistato l’ebook. Anche se a rilento, a  causa del lavoro e dei miei impegni, che mai come adesso si sono triplicati, sono riuscita a concludere la lettura. Questo romanzo è stato una compagnia piacevole,  in momenti in cui non mi sentivo proprio in forma e di questo ringrazio Claudia anche per averne anticipato l’uscita.


“DRACONIS MAGISTERIUM” DI CLAUDIA PIANO

TRAMA

Helena vuole diventare un dracator, un cavaliere di draconis. Aveva cinque anni quando ha incontrato il giovane e aitante Iulius che conduceva Colossus, il grande terram draco assegnato al villaggio di Silva. Da quel giorno Helena ha fatto di tutto per conoscere il draco e occuparsi di lui. Con gli anni ha scoperto di avere una grande affinità con tutte le creature, in particolare con Colossus, riesce a sentire la sua voce nella mente, ma deve mantenere il segreto o i Magus verranno a prenderla per portarla ad Alchemya.

Helena sa che per essere ammessi al Draconis Magisterium occorre entrare in possesso di un prezioso uovo di draco. Essere quindi abbastanza facoltosi da poterlo acquistare, o scelti dal destino e predestinati a poterlo trovare. Ma Helena è sicura che in un modo o nell’altro riuscirà a frequentare il Magisterium.

Quando lei compie quattordici anni, il buon vecchio Onorius, suo padre adottivo, vuole convincerla ad accettare la proposta di Unione Sacra con Petronius, il figlio del pastore.

Il sogno di Helena sta dunque per infrangersi? E Silva, rischia forse di diventare la sua prigione?

Intanto terribili storie si mormorano al Relevium, la locanda di Onorius. Pare che un pericolo sia in agguato nei territori sconosciuti di Glacies, la terra del ghiaccio. Il periodo delle notti oscure si sta avvicinando e quale momento migliore per le creature selvagge del nord per invadere e depredare la rigogliosa Viridia?


La mia opinione

Helena è la protagonista di questo romanzo. Vive con suo padre e i suoi fratelli a Viridia e sogna di diventare una dracator da quanto aveva cinque anni. Ma chi sono i dracatores, vi starete chiedendo? Sono i cavalieri di drago. Sì, perché nel mondo creato magicamente da Claudia Piano, esistono i draghi e non solo. Vi abitano anche altre creature e specie diverse dagli habilis (uomini), i reptilus.

Non è però facile diventare una dracator, perché si deve entrare in una scuola: il Magisterium. E per farlo si deve avere con sé un uovo di drago. Chi  viene da famiglie benestanti non ha problemi ad entrarvi invece per chi, come Helena, è figlia di un umile uomo, è molto difficile.

Lei però ha un dono. Ha la capacità di parlare con i draghi e infatti è legatissima a Colossum, un drago che con il fuoco protegge la sua città. Ogni città che si rispetti infatti ha il suo protettore. Il fuoco è vita e speranza.

Questo dono però non va bene per chi come Helena vuole diventare una dracator, perché chi lo possiede viene mandato in una scuola che tutti temono: Alchemya per dominare il dono.

Bene, mi fermo qua, perché questo è solo l’inizio di una storia di crescita e di speranza.

Helena nel suo cammino incontrerà delle persone speciali che la aiuteranno a scoprire sé stessa. Il suo coraggio la porterà infatti ad affrontare mille sfide. In un mondo dove il fuoco è vita, il gelo porterà solo morte e distruzione.

L’autrice ha creato un mondo “Orbis” con una sua storia, religione, tradizione, creature fantastiche e una lingua che in realtà per molti aspetti trae le sue origini nel latino.

Non manca nulla. Mentre leggevo mi sembrava di vedere davanti a me i draghi, ognuno con un suo colore.  Draghi di terra, di acqua, di fuoco e di aria. I quattro elementi che fanno da padrone in tutta la storia e con i quali Helena, una ragazza speciale, vincerà le sue paure.

For me, a strong symbol of luminous beauty and powerful energy that appeared in my meditations.  Upward flow and undulation - similar to snake, but different.  More feminine.  More graceful. m.vinny

Non mancano gli amici e le persone che incontrerà lungo il suo cammino. L’amicizia con Rufus, simpatico reptilus che incoraggia sempre Helena con tenerezza e simpatia, e un Magus dal cuore di ghiaccio, che ho adorato.

Poi c’è l’amore con il ragazzo dei sogni. Su questo punto però devo aggiungere una nota dolente. Non c’è stata sintonia. Il protagonista maschile della storia non mi ha entusiasmato, come se fosse distante, come se fosse rimasto un sogno.

Per il resto la storia è coinvolgente, ricca di colpi di scena, dinamica al punto giusto e magica. Nella scuola per diventare cavalieri di drago, il Magisterium, troverete le dinamiche che sfortunatamente accadono un po’ in tutte le scuole: il bullismo, la non accettazione del diverso. Ma di contro, ci saranno quelli che si batteranno per includere tutti e mantenere la giustizia.

A parte la difficoltà che ho avuto su alcuni termini e in particolare tra le parole dracones e dracator (che confondevo sempre), il romanzo mi ha entusiasmato. Helena e il suo mondo mi mancheranno.

Considerando che sono un’amante delle illustrazioni fantasy, sarebbe bello vederne realizzato un art book o un calendario con tutti i draghi e le creature che popolano questo mondo illuminato da due soli.

Se amate il fantasy e le storie di draghi, questa  storia fa per voi.

Il mio voto è

4 pinguini lettori.

Per oggi è tutto,

Alcune immagini sono tratte da internet (drago bianco), altre sono quelle fornite dalla stessa autrice (mappa del Magisterium).

25-aprile 2020 Segnalazione “Draconis Magisterium” di Claudia Piano

Ciao amici lettori e amanti del fantasy e buon 25 aprile,

oggi ho il piacere di ospitare nel mio blog la scrittrice Claudia Piano, una donna, secondo me, speciale. Quando l’ascolto mi dà tanta serenità e i suoi romanzi hanno la capacità di trasportati in luoghi fantastici. In questo periodo un po’ surreale ha pubblicato il suo nuovo romanzo “Draconis Magisterium”, ambientato in un pianeta lontano, lontano, dove esistono delle creature leggendarie; i draghi.

Lei non lo sa, ma ho iniziato a leggerlo (sono solo all’inizio) e, posso dire, che mi sta aiutando ad evadere un po’. Ne avevo proprio bisogno. I libri chiamano e ti aiutano nei momenti di difficoltà.

Se avete amato “Eragon” di Christopher Paolini e “Cronache del mondo emerso – Nihal della Terra del vento” di Licia Troisi, questo fa per voi. Il romanzo è rivolto principalmente ad un pubblico giovane, ma anche agli adulti che non vogliono crescere mai, tipo la sottoscritta.

Allora che ne dite di scoprirlo insieme. Troverete tante curiosità sull’autrice e sul romanzo.

“Draconis Magisterium” di Claudia Piano

Link d’acquisto qui – Pagine 349

Self publishing – Genere fantasy

SINOSSI

Helena vuole diventare un dracator, un cavaliere di dracones. Aveva cinque anni quando ha incontrato il giovane e aitante Iulius che conduceva Colossus, il grande terrae draco assegnato al villaggio di Silva. Da quel giorno Helena ha fatto di tutto per conoscere il draco e occuparsi di lui. Con gli anni ha scoperto di avere una grande affinità con tutte le creature, in particolare con Colossus: riesce a sentire la sua voce nella mente, ma deve mantenere il segreto o i Magus verranno a prenderla per portarla ad Alchemya.
Helena sa che per essere ammessi al Draconis Magisterium occorre entrare in possesso di un prezioso uovo di draco. Essere quindi abbastanza facoltosi da poterlo acquistare, o scelti dal destino e predestinati a poterlo trovare. Ma Helena è sicura che in un modo o nell’altro riuscirà a frequentare il Magisterium.
Quando lei compie quattordici anni, il buon vecchio Onorius, suo padre adottivo, vuole convincerla ad accettare la proposta di Unione Sacra con Petronius, il figlio del pastore.
Il sogno di Helena sta dunque per infrangersi? E Silva rischia forse di diventare la sua prigione?

Intanto terribili storie si mormorano al Relevium, la locanda di Onorius. Pare che un pericolo sia in agguato nei territori sconosciuti di Glacies, la terra del ghiaccio. Il periodo delle notti oscure si sta avvicinando e quale momento migliore per le creature selvagge del nord per invadere e depredare la rigogliosa Viridia?

Cosa dicono del romanzo?

Draconis Magisterium trasporta in un altro mondo, ricchissimo e profondo, con le sue leggi, la sua storia, i suoi popoli, i suoi conflitti. Ho finito di leggerlo da un po’, essendo da anni, per mia fortuna, la prima lettrice di Claudia, ma ho ancora gli occhi colmi dei suoi paesaggi, i sensi affascinati dai suoi profumi e il cuore che ride per le tante avventure che contiene. Suoni, colori, animali incredibili, un susseguirsi di vicende, a volte dolorose, a volte tenere, vissute con l’animo indomito di una vera eroina fantasy; una leggenda che lo permea per intero e che darà tutto un altro tono al finale, rendendolo sorprendente. Mai come in questo momento abbiamo bisogno di evasione. Niente come un buon libro per evadere restando a casa. E Draconis lo è, io per due giorni non ho vissuto fra quattro mura, ma in un’altra realtà. Rinnovo a te lettore l’augurio fatto a Claudia quando mi disse di essere preda di una potente ispirazione: “Cavalca il drago!”

QUALCHE CURIOSITÁ – RISPONDE L’AUTRICE

1.       Il romanzo è autoconclusivo o è il primo di un serie di libri?

  • Si, il romanzo è autoconclusivo.

2.       Come mai hai deciso di parlare di draghi?

  • Io adoro i draghi da sempre. Ricordo ancora il primo libro fantasy con i draghi che ho letto: “I Draghi del crepuscolo d’autunno” di Weis e Hickman della serie Dragonlance (correva l’anno 1990…). Sono creature affascinanti, pericolose e molto sagge.

3.       A chi ti sei ispirata scrivendo questo romanzo?

  • L’ispirazione per questo romanzo è nata da tante piccole scintille di idee, appunto la mia passione per i draghi, quella per le storie ambientate nelle scuole e la voglia di scrivere di un nuovo mondo fantasy. Volevo una storia che possedesse alcune caratteristiche della saga di Armonia, in modo da poter appassionare i miei lettori, ma nello stesso tempo, nuova ed emozionante.

4.       Quando realizzi un tuo romanzo c’è qualcuno che ti aiuta nella stesura o correzione?

  • Sì, ho due fidi aiutanti: la mia carissima amica Rossella Romano (autrice di libri fantasy e fantascienza) che è sempre la prima a leggere i miei romanzi e mi dà preziosi consigli sulla struttura e la coerenza dei personaggi (è lei che ha scritto la presentazione che c’è nella sinossi- vedi sopra); Leo un vicino di casa di mia mamma, che io ho soprannominato “occhio di falco” perché ha davvero il dono di scovare i refusi. Ovviamente sono carissimi amici e mi aiutano per il lauto compenso di un “grazie di cuore”, persone davvero preziose ❤

5.       Quando uscirà il cartaceo?

6. Stai scrivendo qualcosa di nuovo? Sono curiosa!😊

  • In questo momento sto scrivendo un nuovo racconto della saga di “Armonia” da inserire nella raccolta dei racconti dei ragazzi che stanno partecipando al mio laboratorio (nonostante la didattica online, continuano ad arrivarmi il loro racconti! ❤ ). Sto anche raccogliendo le idee per scrivere il quinto e conclusivo romanzo della serie “La Casa delle Streghe”

CHI É CLAUDIA PIANO…..

Mi chiamo Claudia Piano e abito in un piccolo paesino nell’entroterra di Genova, immerso nel verde. Sono sposata, ho due figli, un coniglio e un gatto.

Adoro leggere, suonare e non posso fare a meno di sognare. Invento storie da sempre e ho iniziato a scrivere quando andavo ancora a scuola. All’epoca ho partecipato ad alcuni concorsi letterari, ricevendo segnalazioni e anche un terzo premio nazionale. Poi il lavoro, il matrimonio, i figli… si sono impossessati della mia vita.

In questi ultimi anni ho insegnato musica nelle scuole elementari, conducendo i bambini in questo fantastico e magico mondo, questa attività mi ha aiutata a ritrovare l’ispirazione e il desiderio di tornare a scrivere. Attualmente faccio laboratori gratuiti di scrittura creativa nelle scuole secondarie di primo grado (#armonialatuastoria); tengo lezioni di Tai Chi Chuan in una palestra qui in zona. E, ovviamente, scrivo.


Spero che questo romanzo vi abbia incuriosito,

aspetto come sempre i vostri commenti,