Recensione Cocopa -I vulcani di ghiaccio

15/02/2018 Recensione

Ritorna “La mia rubrica Piccoli e Giovani Lettori”

Ho iniziato a leggere “Cocopa – I vulcani di ghiaccio” perché avevo voglia di qualcosa di leggero, dopo aver letto un libro che mi ha lasciato un profondo senso di angoscia e  di cui parlerò presto.  Allora cosa c’è di meglio di un libro per bambini che parla di sogni.


Cocopa. I vulcani di ghiaccio  di Giorgio Martignoni

Quando a governare sono i sogni dei bambini…

 

Costo cartaceo euro12.90

Costo ebook euro 4,99

Pag 208

Link d’acquisto qui

Editore Fanucci

Data di pubblicazione 17 gennaio 2018

 

 

Sinossi

Yeyewata è un piccolo villaggio di palafitte dove vive una libera comunità di bambini che si autogoverna con i propri sogni e dove non esiste la proprietà ma tutto viene condiviso. Qui i sogni godono di una tale importanza da essere utilizzati per trovare risposte ai problemi della vita quotidiana. Al compimento dei dieci anni, infatti, ogni membro della comunità deve raccontare il proprio sogno per inserirlo nel grande Libro. Ma quando arriva il suo turno, Cocopa ha da raccontare solo incubi. E per evitare di rovinare l’equilibrio dell’intera tribù, il giovane decide di intraprendere un lungo e avventuroso viaggio alla ricerca dei suoi peggiori incubi e paure per poterli finalmente affrontare…

La mia recensione

Cocopa– I vulcani di ghiaccio è un libro divertente, simpatico che insegna a grandi e adulti tante cose.

Primo fra tutti il raggiungimento dei propri obiettivi senza mai mollare nonostante le difficoltà e nonostante nessuno creda a quello che dici.

Poi saper condividere i propri beni  e  aiutare gli amici, perché Cocopa, un bambino di dieci anni che vive in un villaggio un po’ speciale,  nonostante sia un po’ folle nel voler sconfiggere i propri incubi, viene aiutato senza remore da un gruppetto di amici fino alla fine del viaggio.

I sogni di questo piccolo guerriero sono così orrendi che Cocopa ha paura che contagino l’intero villaggio dove lui vive.

Yeyewata è infatti un piccolo villaggio di palafitte dove abitano solo bambini che vivono di cose semplici e condividono tutto, anche i sogni.  A dieci anni a turno si diventa rebubula. Ogni rebubula deve scrivere i propri sogni su un libro dei sogni, da dove si traggono gli insegnamenti per la vita quotidiana del villaggio.

“ Il rebubula viveva nella capanna più alta, dalla quale si vedeva tutto il villaggio, le mongrovie della costa, le spiagge e la foresta appena dietro. Da un balconcino pendeva un’altalena, e dondolare da quell’altezza era un’emozione riservata ai rebubula o ai gabbiani. I ciondoli di conchiglie alle finestre suonavano mossi dal vento…”

Un villaggio dove la gara dei rutti è una gioco divertente e ai partecipanti non interessa vincere ma solo divertirsi. Se arriva un elemento di disturbo come un delfino, allora il gioco si fa più bello. Nuotare e tuffarsi con lui diventa qualcosa di magnifico che tutti vorrebbero fare, lasciando perdere qualsiasi forma di competizione.

Diventare rebubula a dieci anni è importante per qualsiasi bambino di Yeyewata e per Cocopa e i suoi amici diventa qualcosa che li porterà ad affrontare pericoli inimmaginabili, ma che con il coraggio di chi non si arrende li farà andare avanti per diventare sempre più coraggiosi.  Infine aggiungo che i personaggi di questa storia  hanno un modo di esprimersi tutto loro, che all’inizio potrà far storcere il naso ai lettori, ma poi diventerà parte della trama e divertirà sempre più.

“OPA! OPA! OPAAA!!”

Il ballo, il canto, i sogni, l’amicizia  e delle simpatiche illustrazioni accompagneranno Cocopa e il lettore nel lungo viaggio alla ricerca dei  Vulcani di ghiaccio.

Consigliato ai bambini sopra i 9 anni  e agli adulti che per un po’ vogliono diventare dei piccoli sognatori .

Il mio voto è

4 pinguini lettori.

Ringrazio la Fanucci Editore per questo libro.

A presto con le mie recensioni,

Lucia M.

I commenti sono sempre molto graditi.

Se vi piace questo blog e volete seguirlo, potete farlo iscrivendovi alla newsletter che trovate a destra nella barra laterale inserendo la vostra email o/e seguirmi su facebook o google+. Grazie. 

Segnalazione- La principessa degli elfi

13/02/2018 Segnalazioni e consigli di lettura

Cari lettori, oggi segnalo il romanzo fantasy “La principessa degli Elfi” dell’autrice emergente Licia Oliviero, una ragazza dolce e tenace che mi ha molto colpito.

“La principessa degli elfi” è una storia di magia e di sentimenti, di tradimenti, fughe e scelte impossibili.

La principessa degli Elfi di Licia Oliviero

Serie: Trilogia “La Principessa degli Elfi” (“La Principessa degli Elfi”; “La Principessa degli Elfi – La Rivolta”; “La Principessa degli Elfi – La Maledizione”)

Genere: Fantasy
Editore: StreetLib Self-Publishing
Pagine: 300

Prezzo ebook: 0,99 €

Prezzo cartaceo: 13,99 € (15% di sconto sugli store Mondadori “Book on demand” e Ibs)

Formato: ePub, formato Kindle, formato cartaceo

Trama

Layra ha vissuto i primi dieci anni della sua vita completamente all’oscuro delle sue origini e del suo retaggio, consapevole solo di essere diversa da tutti gli altri, per il diadema azzurro che le cinge la fronte come un tatuaggio.
Quel simbolo la contraddistingue come Principessa degli Elfi della Luce e il suo destino è riscattare il suo popolo dalla tirannia degli Elfi Oscuri, che hanno usurpato il suo trono. 

Appena scopre la verità, tuttavia, è rapita dai demoni e, nonostante lei tenti più volte la fuga, solo quattro anni dopo ritrova la libertà. La prigionia l’ha marchiata e la sua fiducia nel prossimo è quasi scomparsa, eppure riuscirà a trovare l’amore e l’amicizia, che le resteranno accanto, sebbene il suo destino sia incerto, costellato di tradimenti, fughe e nemici potenti.
Un racconto magico capace di evocare le forze del Bene e del Male sovrane del destino di ognuno di noi.


Estratto

 

Layra stavolta non riuscì a controllare la propria furia. Sentì il gelo del suo ciondolo e il calore del diadema e tutto quel potere che ribolliva dentro di lei.

Amos rise. «Non ti servirà a nulla, principessa. Fallo luccicare quanto vuoi!»

Aveva ragione. Non uscì nessun fascio di luce dal diadema azzurro sulla fronte di Layra, si limitò a brillare.

Amos vi passò sopra il dito, partendo dalla tempia destra e arrivando a quella sinistra, percorrendo tutte le curve del diadema che dopo il suo tocco smetteva di brillare.

Layra si sentì svuotata e, anche se non l’avrebbe mai ammesso, spaventata.

Come poteva Amos, con un solo dito, spegnere tutto il potere che lei aveva avvertito dentro di sé? E perché non riusciva a usare quel potere?

Quasi le avesse letto nel pensiero, Amos le spiegò: «È grazie a me che non puoi usare il potere del diadema. Sono più forte di te, ricordalo sempre.»

Il cuore di Layra saltò un battito e senza accorgersene lei si morse le labbra.

Non sopportava tutta quella situazione.

Le faceva paura.

Amos le sussurrò a un orecchio: «Non sei costretta a stare così sulla difensiva. Puoi semplicemente arrenderti. Puoi rendere le cose più facili a entrambi. Non sono costretto a farti del male…»

Per un secondo solo Layra temette di farsi plagiare, di arrendersi, ma qualcosa la riportò alla ragione, qualcuno… Anter. Se c’era qualcuno per cui lei doveva combattere e resistere era lui e sarebbe stato un affronto verso se stessa, se si fosse lasciata piegare da quelle parole.

Booktrailer

Chi è Licia Oliviero

Licia Oliviero è nata a Torre del Greco nel 1995. Nel 2014 ha conseguito la maturità Scientifica con il massimo dei voti e si è iscritta alla facoltà di Lettere Moderne.

Ha da sempre una fervida immaginazione e una predilezione per tutto ciò che appartiene al mondo della fantasia. Considera la lettura un bisogno primario, adora perdersi nei mondi di carta e inchiostro. L’amore per la scrittura deriva direttamente da queste passioni, scrivere è stato inizialmente il mezzo per dare sfogo alla fantasia, mentre adesso è una necessità, capace di rapirla anche per giornate intere.

Il suo esordio letterario è stato “La Principessa degli Elfi”, seguito da “La Principessa degli Elfi – La Rivolta”. La sua ultima pubblicazione, “La Principessa degli Elfi – La Maledizione”, è il volume conclusivo della trilogia fantasy.

Link utili:

Sito web: http://laprincipessadeglielfi.weebly.com/

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/LiciaOliviero

Google +: https://plus.google.com/+LiciaOliviero

Booktrailer: https://www.youtube.com/watch?v=lPOhNpnP5PY

Goodreads: https://www.goodreads.com/book/show/23843567-la-principessa-degli-elfi

Anobii: http://www.anobii.com/books/La_principessa_degli_elfi/9786050320756/0175802dd5eb83eda5

Spero che il romanzo vi abbia incuriosito, non mi resta che augurarvi buona lettura.

A presto,

Lucia M.

 

Segnalazione- Il destino in una lacrima

08/02/2018 Segnalazioni e consigli di lettura

“Il destino in una lacrima” di Fiorella Mauro

Cari lettori, oggi vi segnalo un romanzo, secondo  vincitore tra diversi libri partecipanti all’ Evento di Natale 2017 del mio blog che sarà segnalato e successivamente recensito da me. Come già detto : “Il destino in una lacrima ”  di Fiorella Mauro l’ho scelto perché le storie apocalittiche hanno un certo fascino e questa storia  mi ha incuriosita molto.

Costo ebook 0,99 euro

Costo copertina flessibile 6,92 euro

pag 244

Link d’acquisto qui

Sinossi

“Il destino in una lacrima”, romanzo fantasy intriso di misticismo.

Ambientato nell’Europa dell’800, Il destino in una lacrima, ha come figure di riferimento due personaggi.

Dalia Lorenzetti è una strega di 20 anni rimasta orfana a 10. È cresciuta nella solitudine di un mondo che la teme e la rifiuta. Leonard è invece un sacerdote: ha 22 anni, e per quanto molto giovane nasconde già un segreto oscuro. Un mistero quello sulla vita di Leonard che prenderà luce piano piano, seguendo una strada tortuosa ricreata con la giusta dose di mistero. Il rapporto tra i due personaggi principali maturerà nel corso delle vicende raccontate fino a giungere al suo apice e alla soluzione di tutti i misteri.

Inizialmente entrambi i protagonisti hanno un unico obiettivo comune: trovare il demone del quale un’antica profezia presagisce l’operato malvagio, ed affrontarlo. Una lunga serie di circostanze porterà entrambi sulle tracce dell’entità soprannaturale.

Lungo il loro cammino incontreranno, per volere del destino, personaggi secondari, ma essenziali. Personaggi ambigui che non chiariscono la loro posizione tra il Bene o il Male. Personaggi le cui vite sono intrecciate tra loro e condurranno alla verità; alla lacrima di Cristo un oggetto sacro i cui benefici deriveranno da chi la userà.


Chi è Fiorella Di Mauro?

Mi presento a voi tutti. Sono Fiorella Di Mauro ho 32 anni e sono una scrittrice. Dovete sapere che sono diplomata in Grafica Pubblicitaria e, al tempo delle superiori, il mio sogno era diventare una fumettista.

Stessa passione aveva una mia amica con la quale pensai di creare un fumetto. Elaborata la trama iniziai col descrivere le varie scene, i personaggi, le battute… il romanzo. Ebbene sì, alla fine capii che avevo l’esigenza di scrivere un romanzo e non più il fumetto.

Quindi accantonai il fumetto e creai “Il destino in una lacrima”.

Al momento sto apportando delle revisioni al mio ultimo romanzo “I falsi Dei”, di genere fantasy spirituale, e, nel frattempo, mi dedico alla scrittura di racconti brevi (La cantilena dei pazzi, Banshee, la diversità dell’anima, vivere la morte e Doll and Teddy). Partecipo a vari concorsi letterari indetti da associazioni culturali e case editrici. Questo mese ho ricevuto due belle notizie; ho vinto un concorso letterario con il racconto fantasy “Banshee” e ho ricevuto una proposta di pubblicazione del romanzo “Il destino in una lacrima” da una casa editrice. Queste per il momento sono le ultime notizie sulla mia carriera letteraria. Magari più avanti sentirete altre novità su di me e la mia arte. 


Non mi resta che salutarvi e augurarvi una buona lettura.

A presto,

Lucia.