Archivi categoria: Recensioni

05/03/2020 Recensione “Chiamatemi Anna” Stagione I

Ciao amici,

in questo periodo un po’ surreale, la ricerca di qualcosa che ci faccia pensare ad altro è importante. Anna Shirley (“Anna dai capelli rossi” di Lucy Maud Montgomery ) è uno di quei personaggi della letteratura che ci può insegnare qualcosa in merito. Oggi però non vi parlo del romanzo ma della serie tv: Chiamatemi Anna.


Risultato immagini per chiamatemi anna
Titolo: Chiamatemi Anna Titolo originale: Anne with An “E”
Paese: Canada
Anno: 2017 – in produzione
Formato: serie tv
Genere: drammatico
Stagioni: 3
Episodi: 27
Durata: 45 min (episodio) 89 min (episodio pilota)
Lingua originale: inglese

Chiamatemi Anna  è una serie televisiva canadese tratta dal romanzo “Anna dai capelli rossi” di Lucy Maud Montgomery, adattato da Moira Walley-Beckett. Anna Shirley che, dopo aver passato l’infanzia in orfanotrofio, viene mandata per errore a vivere nella fattoria di “Green Gables” ad Avonlea con gli anziani fratelli Marilla e Matthew Cuthbert. Quest’ultimo sarà il primo ad essere colpito dalla stravaganza di Anna e ad innamorarsene. Dopo  alcune incomprensioni, la ragazzina rimarrà a vivere con i fratelli Cutherbert arricchendo la loro esistenza.   

Chi mi segue probabilmente  sa quanto ami il personaggio di Anna.  Desideravo da tempo vedere questa serie tv e finalmente ci sono riuscita. Nonostante sia ambientata alla fine del 1800, da subito la storia mi è parsa attuale e adatta a tutti.

Il merito va soprattutto alla regista, nonché sceneggiatrice Moira Walley-Beckett che è riuscita ad affrontare tematiche di diversa natura e a rendere il personaggio di Anna così incantevole, già di suo, forte e coraggioso, nonché  adatto alla nostra società.

I temi affrontati, come la diversità, il femminismo, il passaggio dall’età infantile a quella adulta, l’amicizia e l’amore, mostrano una sensibilità e un’attenzione delicata e acuta. 

Il merito va anche agli attori che interpretano i personaggi principali: Amybeth McNulty, nel ruolo di  Anna, Geraldine James e Robert Holmes Thomson,che interpretano rispettivamente Marilla e Matthew. Non ho potuto non apprezzare la loro bravura.

Risultato immagini per chiamatemi anna stagione 1 marilla

L’attrice che interpreta Anna è perfetta per questo ruolo. Credo che la scrittrice, Lucy Maud Montgomery, che ha creato questo personaggio così vero, se guardasse oggi questa giovane interprete non potrebbe non  dire: è lei, è la mia creatura.

La prima stagione, che ho da poco terminato di vedere, consta di 7 episodi e tiene lo spettatore sempre in attesa, in una suspance che porta a chiedersi: “e adesso cosa accadrà?”

Questa serie, a differenza dei romanzi, punta anche l’attenzione sul passato di Anna Shirley, un passato tragico, fatto non solo della prematura scomparsa dei genitori, ma anche dell’infanzia vissuta presso la numerosa famiglia Thomson e dell’esperienza negativa in orfanotrofio. Una ragazza dalla fervida immaginazione, testarda, caparbia, sincera e capace di essere realistica nei momenti più significativi e importanti della sua vita.

Non manca l’amicizia pura e sincera con Diana Barry, interpretata da Dalila Bela, sempre pronta a difendere l’amica Anna, che inizialmente fa fatica ad adattarsi e farsi accettare dagli altri suoi coetanei, pronti a burlarsi di lei per l’eccesso di fantasia e parlantina.  

Risultato immagini per diana barry chiamatemi anna

Non dimentichiamo, poi, il rapporto conflittuale con Gilbert Blythe, che da subito mostra di avere coraggio e un’intelligenza pari a quella di Anna.  La storia dei due mi ha sempre fatto battere il cuore.

E poi c’è Avanloe  con la sua gente, che non sarà subito accogliente con la povera Anna, giudicata e incolpata ingiustamente più volte. Presto però gli abitanti del luogo dovranno ricredersi e l’accoglieranno con gioia nella loro comunità.

Non mancano i riferimenti ai libri e alle autrici del secolo: Jane Eyre di Charlotte Brontë e  Cime tempestose di Emily Brontë spesso messi in risalto dalle inquadrature della regista. Titoli di donne che ispirano Anna a diventare una donna migliore e che in molte occasioni l’aiutano a fuggire da momenti bui del suo passato, altrimenti insopportabili per una ragazza come lei.

Per concludere posso dire che questa serie è perfetta. Lo è anche la sigla iniziale che mi ha incantata appena l’ho vista. Forse ne parlerò più avanti, perché è pura arte.

Risultato immagini per chiamatemi anna stagione 1

 E’ una serie per tutti, soprattutto per le giovani donne che non hanno paura di essere se stesse e che ogni giorno con l’immaginazione, con il coraggio e con la caparbietà provano a realizzare i propri sogni. La consiglio assolutamente.

Il mio voto per questa serie è:

5 ciak.


P.S.

Vedendo la serie “Chiamatemi Anna”, mi è venuta un gran voglia di rileggere il romanzo a cui si ispira e indovinate un po’: sono andata a comprarlo!

Tempo fa lessi il manga  “Anna dai capelli rossi” e scrissi anche la recensione. (clicca qui) Per il resto, il primo approccio con Anna fu il cartone animato giapponese “Anna dei capelli rossi” del 1979.

I giapponesi hanno sempre portato sugli schermi storie incantevoli e una di queste fu proprio la storia di Anna Shirley. Sono cresciuta con le anime, oltre che con i libri. Forse per questo motivo  mi ritrovo anch’io ad avere una fervida immaginazione e a stare con la testa tra le nuvole.

Per oggi è tutto, aspetto come sempre i vostri commenti.

25/01/2020 La trilogia delle gemme: RED – BLUE -GREEN di Keirstein Gier – L'opinione di Raffaella

Ciao amici,

ho il piacere di ospitare nel mio blog una mia carissima amica: Raffaella. Una delle persone speciali della mia vita. L’ho invitata tante volte a scrivere la sua opinione su dei libri che le erano particolarmente piaciuti e, finalmente, ne ha trovato non uno, ma bene tre che le hanno fatto perdere il sonno. Parlo della trilogia delle Gemme di Keirstein Gier. Anch’io, un paio di anni fa, avevo scritto la mia opinione sui singoli libri e anche a me erano piaciuti molto. Allora siete pronti per scoprire cosa ne pensa? Lascio la parola a lei. E’ davvero brava!!!

La trilogia delle gemme: RED – BLUE -GREEN di Keirstein Gier

L’opinione di Raffaella

Foto realizzata da Lucia del blog Creatori di mondi

 Ai viaggi nel tempo è difficile resistere, ai misteri neanche a parlarne… e così mi sono ritrovata a leggere avidamente “La trilogia delle Gemme”: Red, Blu, Green, di Keirstein Gier.

Un’antica profezia che promette di trovare una cura per i mali dell’umanità, viaggiatori del tempo che tramandano la loro esclusività di generazione in generazione, una elité segretissima che fa di tutto affinché  la profezia si avveri,  i membri di una  famiglia dell’alta società inglese, tutti con un ruolo preciso nella storia  e Gwendolyn Shepard, la simpatica pecora nera di questa famiglia, sedicenne autentica, ritenuta poco elegante, poco istruita, poco per tutto, inaspettata  viaggiatrice del tempo che dovrebbe realizzare la profezia. Gli elementi per rendere la trilogia irresistibile ci sono tutti.

Certo Gwendolyn deve scontrarsi con ciò a cui nessuno l’aveva preparata, tutti considerano la cugina “perfetta” Charlotte la prescelta viaggiatrice ma non hanno fatto i conti con il depistaggio di Lucy, Paul e nonno Lucas. Gwen  imparerà ad affrontare il tempo come le si presenterà, piena di dubbi, di lacrime e di cuore, dimostrando a se stessa di possedere coraggio da vendere. Grazie alla famiglia, ai veri amici, visibili e non… e al maggiordomo, troverà le risposte che cerca!

Le cose per Gwendolyn, sono rese ancor più difficili da ciò che “move il sole e l ’altre stelle”, l’amore, amore per il suo compagno di viaggi nel tempo, il prescelto Gideon de Villiers, un giovane arrogante, maniaco del perfezionismo e naturalmente, irresistibile, del resto si sa, dei bravi ragazzi ci si innamora raramente!

Addestrato fin da piccolo a servire l’elité dei guardiani dei viaggi nel tempo, Gideon non si pone domande, esegue gli ordini del conte di Saint Germain, l’uomo che dal XVIII  secolo tira le fila del mistero  grazie al cronografo. Gideon che appare infastidito da Gwen, dalla sua incontrollabilità, saprà resistere ai dubbi  che la ragazza  insinua nella sua vita di “soldato”?

Sono l’amore, l’amicizia, la fiducia e il coraggio a guidare Gwendolyn! Ed anche la magia, che non guasta mai.

 “Se tu cambi, cambia tutto ciò che ti sta intorno. Questa è la magia”

Avrei preferito, soprattutto in “Green”, l’ultimo capitolo della trilogia, maggiore suspense nella rivelazione dei segreti e descrizioni più dettagliate.

Sapere cosa sarebbe accaduto girando pagina, nel passato e nel presente, dopo o prima, cronografo permettendo, è diventato così importante per me da farmi restare sveglia in ore che avrei dovuto dedicare al riposo…  forse dovevo solo darmi più tempo per leggere e credo che per saziarmi dovrò rileggere la trilogia ancora!

Ne vale la pena?

Per me la risposta è sì, a voi non resta che scoprirlo!!!

Raffaella.