Archivi tag: Gialli storici

07-03-2021 Segnalazione “Nostro Signore Kemosh” di Emanuele Massuoli

Editore: Zenzero
Anno edizione: 2021
In commercio dal: 1 gennaio 2021
IBS link d’acquisto
Pagine: 480 p., Brossura.

Quarta di copertina

Cosa hanno in comune un avvocato italiano del ventunesimo secolo e un pastore moabita nato prima dell’avvento di Cristo? Il collegamento è in una misteriosa serie di tavolette di argilla o nel senso religioso e dell’avventura che accomunano i due protagonisti, ognuno alla ricerca della propria salvezza. Per comprendere quanto sia necessario imparare dal passato, poiché le domande dell’uomo sono quasi sempre le stesse, ora come allora. Per riflettere sull’importanza degli ideali, qualunque essi siano, e sulla molla che ci spinge lontano.

Prefazione

Francis S. Fitzgerald era solito tracciare una sottile ma deliziosa linea semantica tra una storia frutto di qualcuno che “ha qualcosa da dire” e quei libri scritti, invece, da chi vuol soltanto dire qualcosa. Di certo, la trama ideata da Massuoli non è una storia banale né improvvisata, frutto com’è di un accurato studio storico e riflessioni di un certo pregio, assai difficili da trovare negli scritti di Autori esordienti. E tale base rende questo libro una piccola perla nel panorama letterario nazionale.
Leggendo queste pagine, chi scrive ha trovato il senso del mistero sposato a una certa voglia di libertà intellettuale che non può non piacere a chi cerca un libro autentico, fatto di carta e pensiero, riflessione e il senso del meraviglioso. Proprio quest’ultima caratteristica rende Nostro Signore Kemosh un romanzo molto piacevole da leggere e da esaminare. E così tra momenti di riflessione, pensieri inquietanti, attente tracce storiche che troviamo qua e là, quasi il lettore fosse un novello Dante alle prese con la sua guida virgiliana, l’Autore ci porta per mano in un mondo solo apparentemente simile a quello in cui viviamo noi tutti. E il sapore vintage che si legge in queste pagine si mescola col senso della meraviglia letteraria...


Presentazione del libro da parte dell’autore

Se è vero che “…i sigari fanno più male di quanto un thriller religioso di successo ne faccia alla buona letteratura…” (Lucius Etruscus, Chiamatemi Marlowe – No, non quel Marlowe, Zenzero Editore, 2018), con “Nostro Signore Kemosh” posso legittimamente aspirare a fare male tanto alla salute quanto alla letteratura.
Il mio romanzo, infatti, è un thriller religioso e, in esso, colgo l’occasione per parlare, incidentalmente, anche di sigari….

Biografia dell’autore (Emanuele Massuoli)

Sono nato a Terni il 31.1.1972 e, dopo la maturità classica, mi sono laureato in giurisprudenza presso l’università degli Studi di Perugia nel 1996. Sono avvocato dal 2000 e patrocinante in Cassazione dal 2012. Oltre alle esperienze professionali ho sempre coltivato la passione per la lettura, soprattutto di saggistica “alternativa” in campo archeologico e storico, nonché il sogno segreto della scrittura.

“Nostro Signore Kemosh”, pubblicato nel mese di febbraio 2021 con ZenZero Editore, è il mio primo romanzo.


La voce delle ombre di Paolo Lanzotti

Recensione “La voce delle ombre ”

di Paolo Lanzotti


Copertina flessibile: 240 pagine
Editore: Mondadori (28 novembre 2017)
Collana: Oscar gialli
Genere: Giallo
Costo ebook: 3,99 euro
Costo cartaceo: 12 euro

Sinossi

Venezia, agosto 1849. Un caso per lo sbirro Teodoro Valier. Da un anno Venezia resiste all’assedio degli austriaci, ma la disfatta è alle porte. La sente nell’aria l’ex sbirro della polizia asburgica Teodoro Valier, chiamato da Daniele Manin, l’uomo che regge le sorti della rivoluzione, a risolvere un caso di omicidio. Con la pioggia incessante di granate, la penuria di cibo e l’epidemia di colera che falcidia la popolazione, sembra quasi uno scherzo: quando non si sa nemmeno dove seppellire i cadaveri, uno in più che differenza può fare? Purtroppo la vittima è un valoroso combattente ostile a Manin, che qualcuno potrebbe additare come mandante del delitto, e dunque s’impone di scoprire quanto prima la verità.


La mia opinione

La voce delle ombre di Paolo Lanzotti è un giallo storico,  ambientato nella Venezia del 1849 quando la città si trova a combattere contro gli austrici. Un momento di disfatta per i veneziani ma anche l’inizio di qualcosa di nuovo, il senso dell’unità nazionale.

” Su Venezia stavano cadendo mille palle di cannone ogni giorno. Le scorte alimentari si andavano esaurendo con mortale rapidità, i magazzini erano vuoti e la mancanza di pane aveva già fatto scoppiare tumulti. I caduti in battaglia, fra i veneziani e i volontari romani e napoletani che difendevano la laguna, avevano raggiunto numeri a tre cifre e il colera imperversava sempre più violento….”

Il nome “Italia”, come nazione di un unico popolo unito da nord a sud, si ripete nei discorsi della gente che soffre e vive la crisi, la mancanza di cibo, il colera e inizia a farsi strada nei pensieri del protagonista: Teodor Valier.  Un uomo, chiamato lo sbirro, che nella vita ha perso tutti i suoi affetti familiari, ma non il senso del dovere, del rispetto e il desiderio di giustizia.

Venezia, proclamazione della repubblica di San Marco

Teodor Valier, viene convocato per risolvere un caso di presunto omicidio da Daniele Manin, l’uomo che ha in mano il futuro di Venezia, personaggio realmente esistito e che l’autore descrive attraverso gli occhi del protagonista.

“La voce delle ombre” è un romanzo raccontato in prima persona dallo stesso Valier. Ciò  permette al lettore di immedesimarsi di più ai fatti e ai ragionamenti dell’investigatore.

Teodor Valier, per risolvere il caso di presunto omicidio, viene aiutato da un giovane gendarme,  Samuele Poli che diventa il suo nuovo collaboratore. 

Il primo, Teodor, sulla quarantina, stanco, appesantito dall’età e dalle sofferenze, che usa il suo intuito per risolvere casi di omicidio in città;  il secondo, Samuele, un venticinquenne aitante e muscoloso, abituato all’uso della forza. 

I due uomini  hanno alle spalle un passato che li ha portati a scontrarsi, ma che si ritrovano a lavorare insieme per necessità, nonostante la loro diffidenza iniziale.

Il loro modo di lavorare rende la storia più interessante, a volte simpatica, come se già dalle prime pagine non si potesse a fare a meno dell’uno o dell’altro, come se l’uno riempisse i vuoti e le mancanze lasciate dall’altro. Un po’ come la famosa coppia Sherlock Holmes e John Watson. 

La vittima è Alvise Scarpa, uomo noto presso i combattenti volontari, sempre in prima linea, quasi una leggenda fra chi lo conosceva. 

Tra interrogatori, ricostruzione degli eventi, sospetti,  l’autore riesce a costruire un perfetto giallo deduttivo, lasciando indizi lungo le pagine, analizzando anche le più piccole sfumature.  Gli indiziati sono pochi e ciascuno di essi potrebbe essere l’assassino, ma la logica  e la costruzione meticolosa dell’accaduto porteranno Teodor Valier alla risoluzione del caso.

” Certo, la soluzione sembra elementare, quando si hanno a disposizione le tessere del mosaico. Ma raccogliere particolari così insignificanti, ricordarli e metterli insieme, fino a formareun quadro coeso e coerente, ha un po’ un sapore di magia”

Non conoscevo Paolo Lanzotti, prima che lui mi contatasse per segnalare i suoi libri, ma leggendo questo suoi romanzo, così ben costruito, sviluppato sia al livello storico, mostrandoci un affresco della Venezia di allora, sia al livello dei personaggi inventanti e realmente esistiti, posso dire che sono rimasta entusiasta da questa lettura. Non per niente “La voce delle ombre” è un giallo da Oscar e vincitore del premio Tedeschi, un premio annuale istituito dalla Mondadori e rivolto ai migliori romanzi gialli italiani.

Spero che Teodor Valier ritorni di nuovo a lavoro, perchè ha ancora tanto da raccontare.

Sarebbe bello anche rivedere (con l’immaginazione)  Samuele Poli e Tedor Valier di nuovo insieme e leggere una nuova storia raccontata dal punto di vista del giovane gendarme.

“La voce delle ombre” lo consiglio a chi ama la storia, a chi è curioso di scoprire Venezia  nel periodo storico che precede l’unità d’Italia ed a chi ama i gialli con omicidi da risolvere.

Il mio voto è

4 pinguini lettori.


Ringrazio l’autore per avermi omaggiato la copia del romanzo: La voce delle ombre.

Buona lettura.

la vostra blogger Lucia.

Per conoscere qualcosa di più sull’ autore vai all’intervista qui



I commenti e le vostre opinioni sono sempre graditi. Se vi piace questo blog e volete seguirlo, così da farlo crescere di più, potete farlo iscrivendovi alla newsletter che trovate a destra nella barra laterale inserendo la vostra email o/e seguirmi su facebook, instagram  o google+. Grazie mille!