Archivi categoria: Uncategorized

Il Blog va in pausa!

 

09/07/2018 Il Blog va in pausa!

 

Un abbraccio a tutti!

La vostra blogger Lucia.

 

Se vi piace questo blog e volete seguirlo, potete farlo iscrivendovi alla newsletter che trovate a destra nella barra laterale inserendo la vostra email o/e seguirmi su facebook o google+. Grazie. 

 

Conosciamoci un pó meglio e saluti!

05/07/2018 Conosciamoci un po’ meglio

Ciao a tutti lettori,

con molto ritardo rispondo alla nomina del tag “Conosciamoci un pó meglio”.

Questo è l’ultimo post prima che il blog vada in pausa per motivi personali e lavorativi. Diciamo che dovrò concentrarmi per un obiettivo a cui aspiro da un po’ …

Dovrò rallentare di molto le mie letture, come già sta capitando,  e non avrò tempo di scrivere post, se non rispondere a qualche commento. Starò via alcune settimane e so già che sarà dura, perchè il blog è anche la mia valvola di sfogo e il  piccolo mondo dove trovo rifugio.

Quindi approfitto per salutare tutti e augurarvi una buona estate!

Al mio ritorno spero di apportare alcuni cambiamenti che ho in mente da un bel po’.

Ritornando al tag, il nominativo del mio blog è arrivato da Diletta del blog  La cantastorie dei boschi, che ringrazio di cuore per avermi scelta.

Vi rimando al suo fantastico blog, che potete trovare nella mia pagina Blog Amici. Seguo Diletta perchè  amo la sua  passione per i libri, il suo entusiasmo contagioso e perchè abbiamo molti gusti in comune, nonostante la differenza di età.

Le regole:

– Seguire e ringraziare il blog che ti ha nominato ; (già lo faccio)

– Rispondere alle sue 10 domande; (fatto)

– Nominare a tua volta altri 10 blogger,

– Formulare altre 10 domande per i tuoi blogger nominati. Le domande possono essere su VITA PRIVATA, VIAGGI, CINEMA, MUSICA, SERIE TV, LIBRI e CIBO; (fatto)

– Informare i blogger della nomination;

– Taggare il blog che ti ha nominato nelle risposte.

Rispondo con piacere alle 10 domande:

Ecco le mie risposte:

1. Hai mai desiderato di poter interpretare un personaggio di una serie televisiva o di un film?

    Tante volte.

2. Quale luogo letterario vorresti visitare?

   “Hogwarts” non può mancare, ma sono anche attratta dalle atmosfere gotiche della    Londra Vittoriana. 

3. Quale personaggio tratto da un libro, manga, serie televisiva o film ti assomiglia?

    “Jo March” di Piccole Donne

Risultati immagini per jo march

4. Qual è il “cattivo” tratto da un libro, manga, serie televisiva o film che più hai amato

    “Dracula” di Bram Stocker nel film di Francis Ford Coppola

5. Qual è il tuo attore o la tua attrice preferita?

Mi piace molto Meryl Streep, ma credo che mi sono sempre identificata con  Winona  Ryder.

6. Qual è la tua coppia letteraria o televisiva del cuore?

Gli agenti investigativi Dana Scully e e Fox Molder della serie tv cult  “X files”

Risultati immagini per x files

7. Qual è la canzone che più ti identifica?

“A modo tuo” di Elisa. Quando la sento mi  identifico con lei, perchè so quanto sia difficile vedere crescere i propri figli. Le mie bimbe sono ancora piccole, ma il tempo passa troppo in fretta e arriverà un momento in cui dovrò lasciarle andare.

8. Quale libro o manga consiglieresti a chiunque?

Non esiste un solo libro che consiglierei, dipende anche da chi mi sta davanti.

Per i romantici :”Cime tempestose” di Emily Bronte.

Per le ragazzine sognatrici che credono negli ideali della famiglia: “Piccole donne” di Louisa May Alcott.

Per chi vuole volare con la fantasia:  “Harry Potter e la pietra filosofale”.

Per chi ama la narrativa classica assolutamente: “Delitto e Castigo” di Dostoevskij

9. Qual è la tua colonna sonora preferita?

Amo il cinema e in assoluto amo le colonne sonore del grande Ennio Morricone. Mi mettono i brividi.  Invece una colonna sonora che mi emoziona sempre quando l’ascolto è quella degli Aerosmith: I Don’t Want to Miss a Thing (Armageddon).

10. Qual è il blog che segui assiduamente?

Non ne ho uno in particolare, ma alcuni mi piacciono più di altri.


Le domande che propongo sono le seguenti:

1. Quale luogo letterario vorresti visitare?

2. Quale città vorresti visitare?

3 . Chi è il tuo regista preferito?

4. Quale personaggio tratto da un libro o film ti assomiglia?

5. Un personaggio femminile/maschile che ti piace molto di una serie tv che stai seguendo ?

6. Quale serie tv mi consiglieresti di guardare?

7. Dopo un lungo viaggio nello spazio, quale cibo vorresti trovare a tavola al tuo ritorno?

8. Quale film non ti stancheresti mai di guardare?

9. Qual è il tuo cartone animato preferito?

10.Se potessi tornare indietro nel tempo, in quale momento storico vorresti andare?

Nomino i seguenti blog:

1- La libreria di Luce

2- Il buon vecchio libro

3- Reading is Bealiving

4. Un mondo fatto di libri

5 La libraia matta90

6. Leggendo & Sognando – Il mondo di Mary.

7. Libri e segreti

8. Vivere tra le righe

9. Babbini Marco

10. L’ odore dei libri

Spero che risponderete alle domande. Se non volete partecipare al tag,  potete semplicemente rispondere sotto nei commenti. Vi aspetto!

A tutti voi amici che mi seguite o che siete passati di qui per caso, se vi va di rispondere alle domande ne sarei molto felice. E’ un modo per conoscersi meglio.

Di nuovo un grosso abbraccio a tutti!

Lucia M.

 

“Il Ciclo Magico di Gredin” e “Sull’Orlo del precipizio” di Marco Babbini

22/06/2018 Segnalazione Autori emergenti

Ciao,  amici lettori e amanti del fantasy,

oggi vi presento un autore che con i suoi sogni e le sue idee vuole raggiungere un po’ tutti.

Attualmente ha scritto due romanzi: il primo, in ordine di tempo,  è un genere contemporaneo , “Sull’orlo del precipizio”, scritto in un momento particolare della sua vita, dove la vita vissuta dell’autore si mescola alla vita dei personaggi creati da lui;  il secondo, La profezia di Gredin”,  invece fa parte di una saga fantasy, Il Ciclo Magico di Gredin” che trova le sue radici nel classici come “La spada di Shannara” di Terry Brooks, a cui l’autore è particolarmente legato.

Credo che ci siano scrittori che mettono tanto nella stesura del proprio libro: Marco Babbini è un autore che crede in quello che fa, nonostante i tantissimi impegni, e attraverso i suoi due romanzi apparentemente così diversi, vuole lasciare un messaggio di speranza ai suoi lettori.


Genere fantasy

Il Ciclo Magico di Gredin di Marco Babbini

“La Profezia di Gredin”

Titolo: La Profezia di Gredin
Titolo della saga: Il Ciclo Magico di Gredin
Autore: Babbini Marco
Casa Editrice: Youcanprint
Numero pagine: 283
Range d’età a cui è indirizzato: +14 anni
Prezzo ebook: 1,49 euro
Prezzo cartaceo: 19,90 euro
Link d’acquisto ebook: https://www.youcanprint.it/fiction/fiction-fantasy-generale/la-profezia-di-gredin-
9781326818838.html
Link d’acquisto cartaceo: https://www.youcanprint.it/fiction/fiction-fantasy-generale/la-profezia-di-gredin-
9788827804285.html

Trama

Il mondo magico sta tornando.

Salmorian, l’eremita membro del Sacro Collegio, la congregazione di studiosi che salva-guarda l’armonia tra le popolazioni del mondo conosciuto, informerà il re dei Troll di ciò che sta accadendo: le forze che consentono la presenza della magia stanno gradualmente prendendo il sopravvento. Chiunque entrerà in possesso della Pietra Rubina e riuscirà a ricomporre il magico amuleto, porrà termine alla guerra in atto e si confronterà con il ritorno della magia.

Uno sparuto gruppo di soldati Troll, agli ordini del comandante Edonof, partirà alla sua ricerca, inoltrandosi nel territorio degli Uomini.

Gli ostacoli disseminati lungo il percorso metteranno a dura prova la determinazione e il coraggio del comandante Edonof, nonché l’abilità militare e forza fisica di un eremita inviato in loro aiuto da Salmorian.

Ma avvenimenti imprevisti condurranno i personaggi della storia verso un futuro incerto e inaspettato…

Cosa dice l’autore di questo romanzo:

“Ho iniziato a scrivere le prime pagine di questo romanzo diversi anni fa, in un evidente stato di ispirazione, dopo che avevo letto l’ennesimo libro fantasy. E’ rimasto nel cassetto per tanto tempo, poi mi sono deciso di riprenderlo in mano e continuare a inventare storie e personaggi. Dapprima con lentezza, poi in diversi mesi l’ho finito, in altri mesi ancora l’ho rivisto, digerito, rettificato e infine auto pubblicato. Una gestazione piuttosto sofferta, ma attenderò con trepidazione il vostro responso.

Il libro presenta tutti gli elementi che caratterizzano un fantasy.

Si parla di magia, di battaglie tra popolazioni, e di avventure affrontate, in questo caso, principalmente per impossessarsi di un potente amuleto che può portare pace o, se cade in mani sbagliate, scatenare una devastante guerra.

Si parlerà dell’eterna lotta tra il bene e il male, di amicizia, di sofferenza e dolore, ma anche di gioia e di senso di pace, e di appartenenza.

Si parlerà dei draghi, le creature per definizione magiche, che compariranno definitivamente alla fine del romanzo, preannunciando altre avventure oggetto di  storie ancora da pubblicare.

Ma quello che caratterizza questo romanzo è in principal modo la ciclicità tra il mondo materiale e quello magico. Un’alternanza che si collega alla manifestazione della stessa magia. A distanza di centinaia d’anni, le energie che sottendono gli eventi magici si dissolvono per poi ripresentarsi dopo tanto tempo con cambiamenti e evoluzioni inaspettate e incontrollabili.

E il romanzo inizia proprio quanto il mondo magico sta tornando, con eventi che solo gli eremiti, coloro che detengono la magia, riescono a percepire.”

Breve estratto…

«Circa milletrecento anni fa il territorio, come lo conosciamo oggi, era molto diverso. Al centro delle terre, in cui adesso dimora il popolo degli Uomini, si estendeva a perdita d’occhio un enorme lago salato. Divideva le terre in tre parti diverse, abitate dagli Uomini, dai Troll e dagli Elfi.
Ogni razza era depositaria di una magia.
Gli Uomini possedevano la magia della mente, gli Elfi la magia della natura e i Troll la magia del cuore.
Ciascuna popolazione la utilizzava a fin di bene. Esisteva un’armonia naturale nel modo di vivere di
ciascuno e la magia consentiva di preservare tale armonia.
Tutto ciò durò per moltissimo tempo, fino a quando, circa settecento anni or sono, Mordovil, un Troll,
Abenof, un Uomo e Ramedesh, un Elfo, non misero fine al periodo di pace. La brama di potere scatenò nei tre una volontà maligna, quella di diventare i padroni assoluti di tutti i territori conosciuti.
Insieme entrarono in possesso di un talismano di enorme potenza, creato da tutte le genti, fondendo al suo interno le tre energie possedute. Attraverso esso portarono a sé, per aiutarli nel loro disegno di dominio, i draghi neri che abitavano oltre il mare di Cordoval, nell’isola di Lammen. L’amuleto era formato da un bastone di legno d’ulivo con incastonata, in cima a esso, una pietra rossa chiamata Pietra Rubina. Esso aveva la capacità di comunicare con i possenti animali alati, trasmettendo la volontà del suo possessore, e allo stesso tempo di amplificare la forza della mente.»


Genere Contemporaneo

“Sull’Orlo Del Precipizio” di Marco Babbini

Titolo: Sull’Orlo Del Precipizio

Casa Editrice: Youcanprint

Numero pagine: 228

Range d’età a cui è indirizzato: +14 anni

Prezzo ebook: 1,49 euro

Prezzo cartaceo: 15,00 euro

Link d’acquisto ebook: https://www.youcanprint.it/fiction/fiction-generale/sullorlo-del-precipizio-9788893329668-ebook.html

Link d’acquisto cartaceo: https://www.youcanprint.it/fiction/fiction-generale/sullorlo-del-precipizio-9788892682535.html

Trama

Quattro diverse storie si intrecciano in una delle tante città italiane, nel periodo in cui la grave crisi economica ha messo in difficoltà le famiglie e le imprese.

I vari personaggi cercheranno in tutti i modi di porre rimedio ai disagi creati dal momento tragico che stanno attraversando.

Chi accetterà un aiuto esterno proveniente dai propri genitori o si vedrà costretto ad accettare lavori umili ma pur sempre decorosi. Chi si rifugerà nel denaro facile, percorrendo una strada che aveva abbandonato tempo addietro, quella della delinquenza legata allo spaccio della droga. Chi da imprenditore troverà soluzione, in un periodo di profonda depressione, nell’atto estremo del suicidio sbloccando emozioni intense nella propria famiglia. Chi, infine, rischierà di cadere in un abisso senza ritorno, vedendo sfumare un sogno che finalmente era riuscito a realizzare: l’adozione di un bambino che la disoccupazione improvvisa renderà irrealizzabile.

Si troveranno a affrontare problemi finanziari e sociali che metteranno a dura prova i legami famigliari e gli affetti delle persone più care.

Ma a volte eventi fortuiti e concatenanti permettono di abbattere gli ostacoli che si frappongono al raggiungimento della propria felicità.

E’ fondamentale non perdere mai la speranza.

Cosa dice l’autore di questo romanzo:

“Questo libro, di tutt’altro genere, l’ho scritto di getto nell’arco di un paio di mesi (e non è poco per me, che di tempo a disposizione non ne ho tanto), in un momento in cui mi trovavo in uno stato d’animo particolarmente triste. Uno sconforto dovuto al periodo di crisi economica che stiamo tuttora attraversando.

Quattro diversi protagonisti, con le rispettive famiglie, intrecceranno le loro vite in modo quasi sempre casuale, cercando di risolvere problemi personali o famigliari scatenati dalla crisi che ha attanagliato tante persone e aziende.

Inutile dire che in questo libro ho lasciato un po’ di me stesso, soprattutto nei personaggi, caratterizzandoli in tante cose. Nel modo di pensare, nelle inclinazioni verso certi aspetti della vita, nell’intendere il senso della famiglia e dell’amicizia, nello spiegare le motivazioni che hanno portato il paese alla depressione. Anche nel descrivere i luoghi dove si svolgono le vicende ho richiamato alcune caratteristiche della città dove ho vissuto da ragazzo e altre che ho visitato.

Ma credo di aver infuso ciò che più mi contraddistingue, e cioè la speranza e l’ottimismo che occorre possedere nell’animo affinché le cose vadano per il meglio anche nei momenti più bui.”

Breve estratto..

Lacrime piene di dolore uscirono dai suoi occhi come non aveva mai provato prima. Uno strappo tremendo, che aveva sentito solo negli aborti precedenti, si riproponeva in quell’attimo e si rese conto che non voleva richiuderlo ma dargli libero sfogo. 

Da quel varco aperto non fece uscire la rassegnazione, ma una determinazione che non lasciava scampo alcuno. Un riscatto alle perdite subite, un urlo disperato e protettivo. L’urlo di una mamma al proprio figlio.

«Noooo, piccolo mio non mi lasciare.» Con la voce rotta dall’emozione, Chiara si spostò e si inginocchiò allargando le braccia.

Il bimbo incrociò il suo sguardo e si lanciò in avanti, liberandosi della stretta. Quel muro che era stato eretto per confonderlo e isolarlo si era sgretolato in un istante.

Damien attraversò la stanza e si buttò tra le braccia di Chiara.

«Mamma ti voglio bene.» Erano le uniche parole che il bimbo  aveva detto in italiano e di fronte ad esse Chiara spalancò il suo animo più profondo.

Sentiva il corpo di Damien contro il suo, come se in realtà ne facesse parte, e il suo cuore batteva all’unisono con quello del figlio. Ne sentiva il respiro, ne percepiva i pensieri mentre le lacrime scorrevano sulle guance e si confondevano con le sue.


Breve biografia dell’autore

Babbini Marco nasce a Fossombrone il 2/3/1962, in provincia di Pesaro e Urbino, e vive a Colli al Metauro dall’anno 2007. Attualmente è impiegato nella Pubblica Amministrazione in qualità di funzionario tributario. E’ sposato con Maria Grazia e padre di due figli di 15 e 14 anni.

Il primo libro di cui abbia viva memoria e probabilmente il primo che abbia letto con passione, nel lontano 1977, gli era stato passato dall’amico Bruno che lo aveva divorato in una sola notte. Si trattava di La Spada di Shannara di Terry Brooks. Da quel momento non ha mai smesso di leggere, soprattutto romanzi di genere fantasy, preferibilmente epico, ma non disdegna assolutamente altri tipi di lettura e generi: chi più ne ha più ne metta.

Ovviamente il primo libro che ha iniziato a scrivere appartiene all’universo dei personaggi e animali fantastici che popolano le storie norrene. Anche se poi ha subìto una leggera digressione nelle vicende legate alla crisi dei nostri tempi e ha scritto un romanzo dal titolo Sull’Orlo Del Precipizio, autopubblicato con Youcanprint.

Un’ altra cosa di cui non può fare a meno, altrimenti va in crisi di astinenza (altroché polverine bianche o caffè o sigarette), sono i film.

E non può perdersi i documentari e le trasmissioni a carattere scientifico dei signori Angela.

Attualmente ha iniziato il secondo libro della saga Il Ciclo Magico di Gredin: il primo romanzo, intitolato La Profezia di Gredin, è stato pubblicato in selfpublishing con Youcanprint a dicembre 2017.

E altre idee svolazzano in testa …


Spero che questi due romanzi vi abbiano incuriosito. Io personalmente, come amante del genere fantasy, sono curiosa di leggere “La profezia di Gredin”.

In attesa della nuova uscita del secondo volume del “Ciclo Magico di Gredin”, ne approfitto per fare un grosso in bocca a lupo all’autore Marco Babbini, e salutare voi, cari amici che mi seguite sempre.

A presto,

Lucia M.

“Creatori di mondi”  vive delle vostre opinioni, oltre che dei miei post, lasciate pure un commento se vi va.

Se vi piace questo blog e volete seguirlo, potete farlo iscrivendovi alla newsletter che trovate a destra nella barra laterale inserendo la vostra email o/e seguirmi su facebook o google+. Grazie.