Settembre al Palermo Comic Convention 2018

27/09/2018 Settembre al “Palermo Comic Convention 2018”

Ciao amici lettori,

eccoci per il consueto post di settembre che parla di letture e consigli. Questa volta però vorrei parlare di altro. Nei giorni 14-15-16 settembre si è tenuta la Palermo Comic convention, tre giorni ricchi di appuntamenti sul fumetto, libri, giochi in scatola, videogames e giochi di realtà. Tanti Cosplay che hanno animato e reso ancora più colorata e bella questa rappresentazione. Secondo me un po’ di più dello scorso anno. Ho un debole per chi impersona i personaggi del mondo dell’immaginario: film, cartoons e altro.

Risultati immagini per manifesto palermo comic convention 2018

Anche il manifesto della convention mi è piaciuto molto, firmato Giulio Rincione a tema Steampunk ( genere fantastico fantascientifico), ma questa volta l’ambientazione è quella della nostra città: una Palermo arabo normanno con un sfumature di un futuro passato ed eroi dell’immaginario fantascientifico.

Quest’anno l’area giochi aveva anche un padiglione a se, dove poter provare diversi tipologie di giochi. Non mancavano il classico, ma sempre presente, gioco degli scacchi, fatti in versione small, medium e large. Giochi come Warhammer e la presentazione del gioco di ruolo Eidyllion, che personalmente non conoscevo.

Nel padiglione più grande invece era presente, come lo scorso anno, la scuola del fumetto con dei bravissimi disegnatori. Alcuni lavorano per la Disney, la Marvel, Star comics, etc.. Ovviamente la sosta al loro tavolo non è mancata neanche quest’anno.

Un disegno bellissimo fatto da una disegnatrice molto simpatica e disponibile, Eleonora che ha disegnato una fantastica Hay Lin Lin, guardiana dell’aria,  una delle cinque  protagonsite del fumetto Witch. Ovviamente la richiesta era di mia figlia che sta leggendo Witch e la dedica era tutta per lei.

Nel tavolo vicino, era presente la  Elpis, una casa editrice di Palermo, con tante novità fantasy e di fantascienza. Tutti disponibili e gentilissimi. Sarei rimasta con loro tutto il pomeriggio, ma c’erano tante altre cose da vedere e il tempo è tiranno, come sappiamo. Ne ho approfittato finalmente per acquistare il libro “La custode dei sogni” di Nicoletta Torregrossa, con una magnifica dedica dell’autrice. Anche lei molto carina e disponibile.

Dopo avere quasi prosciugato il mio portafoglio, acquistando anche diversi manga e fumetti che normalmente non riesco a trovare se non on line, mi sono diretta nella aria a tema Harry Potter. Quest’anno più ricca, anche di personaggi del mondo dei maghi. C’era una perfetta  professoressa Sibilla Cooman interpetata dalla bravissima Mia Betollo che ci ha mostrato i suoi fantastici poteri da veggente.

Nelle sale c’erano anche diversi ospiti, ma sono riuscita solo a sbirciare perché non ero da sola e mia figlia scalpitava per andare nell’area videogames. Ho intravisto il manganaka giapponese Shintaro Kago di cui, nonostante sia una lettrice di manga, non amo molto lo stile o meglio non è il genere che preferisco.  Questione di gusti.

Quest’anno inoltre si parlato di cinema, di come nasce un cartoons  e del mondo dei youtuber e come avere popolarità sul mondo del web.

Infine mentre l’attore Tom Hopper, una star internazionale, interprete di alcune serie di successo,  si faceva immortalare dalle sue fan con gli occhi a cuoricino, io immortalavo più cosplay possibili. C’erano un sacco di supereroi, molto somiglianti agli originali. Alcuni avevano dei costumi realizzati da loro con materiali di vario genere.

Non mancavano i giochi all’aperto come il  softair , una sorta di simulazione di guerra , in realtà uno sport vero e proprio, dove attraverso l’uso di armi, anche le più antiche, si imparano non solo le tattiche militari, ma anche a stare e collaborare con gli altri.  Io personalmente non ho partecipato, ma consorte e figlia maggiore non sono riusciti a farne a meno e si sono divertiti un mondo.

La sera di sabato, nel palco, era ospite anche Gianni Vanni, cantante di Dragon Ball e Lupin III, ma quest’anno non ero molto in forma e sono andata via.  Lo scorso anno invece sono rimasta incantata dalla fantastica Cristina D’Avena, ospite dell’edizione 2018.

A parte il caldo terribile dentro i padiglioni, soprattutto nelle ore pomeridiane, per il resto anche quest’anno è stato un bel Palermo Comic, anche se ancora c’è tanto da migliorare.  Entrare in fiera  accolti da un grande striscione con il manifesto del Palermo Comic non sarebbe stata una brutta idea, o qualche robot gigante che accogliesse i visitatori, considerando l’omaggio a Goldrake e Ufo Robot. Poi ospitare più  case editrici non solo nostrane, più scrittori del mondo dell’editoria fantasy e fantascienza, anche emergenti,  artisti  del fumetto e tanti cosplay.

Spero che questo articolo sia stato di vostro interesse.  Nei prossimi giorni vi informerò su alcune novità del mondo dell’editoria e del cinema di cui non posso fare a meno di parlare.

A presto,

Lucia.


I commenti e le vostre opinioni sono sempre graditi. Se vi piace questo blog e volete seguirlo, potete farlo iscrivendovi alla newsletter che trovate a destra nella barra laterale inserendo la vostra email o/e seguirmi su facebook, istagram  o google+.

Le foto presenti nell’articolo sono state scattate dalla sottoscritta (Lucia M.)

6 pensieri su “Settembre al Palermo Comic Convention 2018

  1. Lucia Autore articolo

    E’ il secondo anno che vado: è una cosa carina per chi ama questo genere di cose. Per l’andare insieme, famiglia permettendo,….sarebbe bello. A presto!

  2. Lucia Autore articolo

    E’ stata un’esperienza dilettevole. Sicuramente mia figlia si sarà divertita moltissimo, provando i vari giochi. Grazie Francesca, per aver lasciato un commento. A presto!

Lascia un commento