Buon anno a tutti!!

Buon 2018 a tutti!

Questi ultimi giorni sono stati un po’ frenetici tra Natale, Capodanno e feste di compleanno. Mia figlia è nata il primo gennaio e solitamente iniziamo a festeggiare dopo che scatta la mezzanotte.  Mi sembra solo ieri che era uno scricciolo appena nato. Adesso ha nove anni.

Non sono mancate le malattie, quelle di stagione che persistono ancora, e quelle che vorresti non arrivassero mai con cui devi imparare a convivere.  Ci sono stati i momenti belli, condivisi con le persone a cui voglio bene, che vedo ormai di rado, perché vivono a  diversi chilometri di distanza.  Sembra che ci siamo rivisti solo ieri e già oggi vanno via, e non posso fare a meno di pensare “Non sarà mai più come prima”. Il momento del distacco vorresti che non arrivasse mai, ma arriva e non puoi farci niente.

 Ed eccomi qua a scrivere e a sperare che quest’anno sia veramente sereno come mi hanno augurato tante persone, e lo stesso faccio con voi amici reali e virtuali che state leggendo:

“Auguri di un sereno e felice 2018”.

Naturalmente non posso non consigliarvi un libro che potrebbe aiutarvi a vivere serenamente questo anno appena cominciato: “La felicità” di Hermann Hesse. Un autore che amo moltissimo e che mi ha tenuto compagnia con i suoi scritti durante il periodo universitario.

“L’uomo, così come Dio lo ha pensato e come la poesia e la saggezza dei popoli per migliaia di anni lo hanno inteso, è stato creato con la capacità di gioire delle cose, anche quando non gli sono utili, con un organo per il bello. Alla gioia dell’uomo di fronte al bello prendono sempre parte nella stessa misura lo spirito e i sensi e finché gli uomini nelle tribolazioni e nei pericoli della vita sono in grado di godere di queste cose: di un gioco di colori nella natura o in un dipinto, di un richiamo nelle voci delle tempeste e del mare, o di una musica composta dall’uomo; finché il mondo può diventare loro visibile o percepibile come un tutto dietro la superficie di interessi e necessità, un tutto in cui, da un gattino che gira la testa giocando, al gioco di variazioni di una sonata, dall’occhiata commovente di un cane fino alla tragedia di un poeta, sussiste un nesso, una ricchezza infinita di relazioni, corrispondenze, analogie e rispecchiamenti, dalla cui lingua che fluisce eternamente deriva per chi ascolta gioia e saggezza, divertimento e commozione, fino ad allora l’uomo dominerà sempre le proprie incertezze e potrà sempre dare senso al proprio esistere, perché il “senso” è appunto quella unità del molteplice, o quella capacità dello spirito di intuire il disordine del mondo come unità e armonia.”

A presto Lucia.

2 pensieri su “Buon anno a tutti!!

Lascia un commento