Segnalazione: “La colomba sul pino e la vecchia sotto il fico” di Ferruccio Parazzoli

Ciao amici,

ho il piacere di segnalare il nuovo libro di Ferruccio Parazzoli: “La colomba sul pino e la vecchia sotto il fico”. Sono due storie che parlano a ciascuno di noi, attraverso la natura. Ho letto l’incipit del romanzo e sembra molto interessante. L’ho già inserito tra i libri da leggere quest’anno.

Anno di pubblicazione 2019
Formato cm 14 x 19
ISBN 978-88-55230-02-5
Pag. 224
€ 14,00

Il Libro “La colomba sul pino e la vecchia sotto il fico” scritto da Pino Parazzoli, autore di numerosi romanzi, fa parte della linea di collana “Il bosco degli scrittori”, il cui leitmotiv si incentra sulla presenza di un albero, di cui ne vengono esaltate qualità e caratteristiche e su cui si intrecciano storie, relazioni, aneddoti, curiosità. Del resto, da sempre le piante esercitano una profondissima fascinazione sull’attività creativa degli scrittori. Con poche eccezioni, si potrebbe dire che ognuno di loro abbia legato a un albero, reale o immaginario, una parte spesso rilevante della sua opera. Anzi, secondo alcuni scrittori di oggi è solo guardando all’intelligenza del mondo vegetale, alle sue straordinarie qualità sistemiche, che il genere umano potrà comprendere come il rispetto della natura altro non sia che il rispetto verso sé stessi. I princìpi che sono alla base dell’attività editoriale di Aboca ci portano a raccogliere tale suggestione con molta convinzione. Questa serie di libri consentirà ad alcuni tra gli scrittori più interessanti e consapevoli del nostro panorama letterario di raccontare il mondo, il loro e il nostro, proprio a partire da un albero.

immagine carosello 0

In questo suo nuovo libro, Ferruccio Parazzoli, scrittore tra i più importanti della nostra letteratura, si muove fra memoria e invenzione e ci regala due storie di grande suggestione e finezza. Il primo racconto narra la vicenda di un ragazzo, uscito dal quinto anno di liceo, che si è improvvisato cameriere per una stagione. Una decisione affrettata per uno come lui che, un giorno, se ne va all’improvviso per inoltrarsi tra i boschi liguri. Non aveva mai passato una notte sotto un albero ma si sentiva pronto a farlo. Dopo essere entrato nella pineta, viene però sorpreso da uno zoppo, lo Zio, che gli intima di non fermarsi lì e lo conduce dal Cacciatore, un uomo carico di malinconia, che gli racconterà la leggenda della Maciucia e del Grande Pino. Il secondo racconto di questo volume prende le mosse dalla voce tenera e appassionata di Olga, decisa a fare di tutto pur di non lasciare che il grande fico con cui lei è cresciuta, e che ora intralcia i lavori di ristrutturazione del suo padrone di casa, venga abbattuto. Lui, compagno fedele e silente, attento ascoltatore delle storie che Olga gli racconta ogni giorno, le storie che giravano sui ballatoi, ma anche quella della propria famiglia di ebrei poveri, nel tentativo quotidiano di superare un dolore che le resterà attaccato tutta la vita… Due racconti sospesi nel tempo accomunati dal fatto che in ciascuno si celebra il potere salvifico delle storie, dove la verità non è sempre vera e la realtà può essere diversa dal reale. Del resto, come dice Olga: “ogni storia è bella da raccontare, quando tutto è passato. Resta il mistero, come la vita è un mistero. Sono belli i misteri…”.

Ferruccio Parazzoli ha lavorato a lungo nell’editoria. È autore di numerosi romanzi tra cui vanno
almeno ricordati Il giro del mondo (Bompiani 1977, Premio Campiello), Uccelli del paradiso
(Mondadori 1982, Premio Campiello) Il giardino delle rose (Rizzoli 1985, cinquina Premio Strega),
Nessuno muore (Mondadori 2001), Trilogia di piazzale Loreto (Oscar Mondadori 2011), Amici per
paura (SEM 2017), Il Grande Peccatore (Bompiani 2019). Ha scritto anche saggi e racconti.

Aboca Edizioni nasce con l’intento di condividere con i lettori i valori che contraddistinguono l’azienda: natura, salute, scienza, storia, ecologia, cultura, arte. Per questo nel tempo abbiamo sviluppato una ricca produzione di titoli dedicati all’editoria scientifica, storica e di pregio. Le diverse linee editoriali rispondono all’esigenza di approfondire e divulgare i percorsi di ricerca aziendale, in particolare: l’importanza storica e scientifica delle piante medicinali per la salvaguardia della salute nel pieno rispetto dell’organismo; la ricerca di un rapporto con la natura che veda la possibilità di un’evoluzione dell’uomo in armonia con l’ambiente; il recupero storico e artistico della millenaria tradizione che considera le piante protagoniste della medicina nei secoli.


Spero che questo romanzo vi abbia incuriosito.

A presto,

Lascia un commento