La bella e la bestia

 La bella e la bestia – il film

23/03/2017 Domenica scorsa sono andata con mia figlia a vedere “La Bella e la Bestia”. Non è stato facile, perché al primo spettacolo erano già finiti i biglietti. Non potendo sostenere lo sguardo deluso della mia bambina, dopo che le ho detto che per quel giorno non avremmo più visto il film,  ho optato per lo spettacolo serale, prendendo i  biglietti con largo anticipo.

Risultati immagini per la bella e la bestia film

Avevo già visto”La bella e la bestia“, il film d’animazione della Walt Disney uscito nel 1991, vincitore di due premi Oscar per la miglior colonna sonora e miglior canzone, oltre alla nomination per il miglior film.  Non una volta ma tantissime volte. Infatti conosco tutte le canzoni a memoria… e non sto scherzando!

Immagine correlata

Di questo nuovo film non avevo visto neanche il trailer, ma solo la locandina: bellissima. Quindi non potevo assolutamente perderlo.

La storia è ispirata alla favola scritta da Jeanne-Marie Leprince de Beaumont, per chi non la conoscesse, è ambientata nel settecento in Francia dove un giovane principe vive nel lusso e nell’agiatezza all’interno del suo castello, dando feste sfarzose e balli grandiosi.  Una sera d’inverno, durante un ballo, giunge al castello una vecchia che offre al principe una rosa in cambio di ospitalità, ma viene respinta dal sovrano. La vecchia si mostra allora per quello che è in realtà, ossia una maga, che getta un incantesimo sul principe, trasformandolo in una bestia, sui suoi più fedeli servitori, tramutandoli in oggetti, e sul castello, rendendolo oscuro e tenebroso. Il sortilegio agisce inoltre su tutto il regno del principe, cancellando la memoria degli abitanti dei suoi villaggi, i quali dimenticano l’esistenza del castello e del sovrano, come se non fossero mai esistiti. Il castello rimane così isolato nella foresta, in una sorta di inverno perenne e di spazio fuori dal tempo, per via dell’incantesimo. Prima di andare via, la maga lascia alla Bestia una rosa incantata: se il principe fosse riuscito ad amare e a farsi amare a sua volta prima che fosse caduto l’ultimo petalo, l’incantesimo si sarebbe spezzato; in caso contrario il sortilegio sarebbe divenuto permanente (Wikipedia)

Il film,  regia di Bill Condon  e sceneggiatura di  Evan Spiliotopoulos e Stephen Chbosky, è la versione live action dell’omonimo cartone animato, ciò  significa che ci sono attori veri.

La protagonista, Belle, è interpretata da Emma Watson, che tutti conoscono come l’intelligente maghetta Hermione Granger dei film di Harry Potter.

Quando è stata scelta per questo ruolo, non avevo dubbi che sarebbe stata perfetta e non mi ha deluso affatto. Il suo carattere si calza alla perfezione con quello della protagonista del film. E’ un’attrice che mi piace moltissimo.

Belle, infatti, è caparbia, intelligente ma anche  coraggiosa e con una mente brillante. Inventa oggetti di ogni tipo che l’aiutano nella vita quotidina. Vive con il padre Maurice, interpretato dall’attore Kevin Kline che qui è un artista, simpatico tuttofare e premuroso padre. Ha cresciuto Belle da solo,  insegnandole a ballare,  ad essere forte e ostinata. Caratteristica che affascina gli abitanti del castello e la stessa Bestia, ma che la rende invece diversa per gli abitanti del viillagio in cui vive.

La bestia è invece interpetata da Dan Stevens,  un attore britannico, noto soprattutto per il ruolo di Matthew Crawley nella famosa serie televisiva Downton Abbey.

La bestia è anche  il principe di un castello nascosto dalla magia, dove regna un inverno perenne. Apperentemente burbero, ma in realtà dal cuore tenero. Appassionato di libri, legge anche lui romanzi che parlano d’arme e d’amore come la storia di  “Ginevra e Lancilloto“. Passione che lo lega sempre di più alla sua Belle.

Per chi non ha visto mai il cartone e quindi non conosce neanche la storia sarà un bellissimo film da vedere, divertente, romantico ed emozionante ricco di canzoni e immagini spettacolari.

Per chi ha già visto il film d’animazione del 1991, come la sottoscritta, non potrà che rimanere pienamente soddisfatto. Il cast è stellare, gli effetti speciali stupefacenti e le canzoni, alcune le stesse del cartone, sono bellissime e interpretate alla perfezione. Molte scene sono le stesse del cartone: l’entrata in scena di Belle, la scena del ballo, l’arrivo al castello di Maurice, gli abiti.  Gli sceneggiatori, hanno ricalcato quasi alla perfezione il pluripremiato cartone.  I dialoghi nuovi sono pochi, ma alcuni di questi permettono di conoscere il passato di entrambi i protagonisti: il motivo per cui la Bestia era diventato un uomo cattivo e la causa della morte della madre di Belle. Inoltre viene marcato il carattere di lei rendendola ancora più moderna: Belle che prova ad insegnare ad una bambina a leggere e che per questo viene insultata dagli abitanti di Villeneuve, piccolo vilaggio della Francia settecentesca.

Poi, come ho già detto,  c’è un cast eccezionale: Luke  Evans nel ruolo dell’affascinante, arrogante, narcisista  e prepotente Gaston e Josh Gad nel ruolo del suo devoto e “innamorato” LeTont . Sono stati entrambi eccezionali. Nella canzone “ Ecco Gaston” avrei fatto un applauso. E di applausi ne avrei fatti continuamente, perché ogni parte di questo Colossal è perfetta. Le canzoni : “ Belle”, “La bella e La bestia” cantata nella versione italiana da Giovanna  Rapattoni,  “Stia con noi”, cantata e animata da Lumier, Il candelabro e maître del castello interpretato dall’attore Ewan McGregor insieme a  Emma Thomson  e Ian McKellen  nel ruolo rispettivamnte di Mrs. Bric e Tockins ( l’orologio a pendolo).

Nella versione inglese invece la canzone Beauty and  the beast”  è cantata da Ariana Grande  e John Legend  e  il risultato è il video che vedrete di seguito.

 

Nel cartone animato la stessa canzone era cantata da Celine Dion che sinceramente preferisco: voce unica e incantevole.

Anche i momenti in cui Belle e la Bestia si scoprono innamorati l’uno dell’altro  emozionano  e commuovono, soprattutto nelle ultime scene. Infatti, rispetto al cartone animato, le emozioni trasmesse sono più vivide perché i personaggi sono interpretati da persone vere che sanno recitare bene.

Avendo visto il film in italiano, naturalmente la bravura è anche dovuta ai nostri doppiatori che sono diversi nel caso dei dialoghi e nelle canzoni. Sono veramente dei grandi attori e cantanti. ( Chi vuole approfondimenti sul doppiaggio clicca qui).

Mentre comunque guardavo il film ho sentito il desiderio di vederlo in lingua orignale e così cercando su internet ho visto anche alcune scene e sentito alcune canzoni in inglese. Come direbbe Lumier “ C’est magnifique”.

Per concludere se il cartone animato del 1991 aveva avuto due premi Oscar, questo film ,  a mio parere , ne avrà altrettanti o anche di più.

Metterei  quattro e mezzo solo perché avrei aggiunto qualcosa di nuovo rispetto al cartone, per dare un po’ più di originalità. Ma se non avessi visto il primo, avrei dato un cinque pieno.

Alla fine il mio voto è comunque:

5 ciak.

A presto

L.M.

 

Le immagini e i video sono prese da Google.
Se vuoi puoi lasciare un commento. Le tue opinioni sono importanti.
La tua email non verrà pubblicata.

4 pensieri su “La bella e la bestia

  1. Lilly

    Cara Lucia, anch’io come te e tanti altri probabilmente,ho sempre adorato il cartone. Lo trovo il migliore della Walt Disney.. riesce a suscitarmi le stesse emozioni ogni volta che lo vedo, anzi ti dirò che ogni volta mi emoziona di più. E’ per questo che quando ho saputo del film sono corsa a vederlo! Devo dire però, che nonostante il film sia stato perfettamente interpretato e ben fatto, rimarrà per me unico il cartone.

    Rispondi
    1. Lucia Autore articolo

      Ciao Lilly, ti dirò: un cartone è sempre un cartone e ha il suo fascino. Sono belli entrambi, ma a mio parere il film manca dell’originalità che aveva avuto il cartone, così speciale e unico. La stessa canzone “La bella e la bestia” del cartone animato, interpretata da Celine Dion nella versione inglese e da Gino Paoli e sua figlia Amanda Sandrelli nella versione italiana, mi emoziona sempre….nel film meno.

      Rispondi

Lascia un commento